IL PUNTO FERMO! Stanno arrivando

Da un mese e mezzo alla guida della Procura della Repubblica di Fermo. Due proiettili per salutarlo. L’impressione sempre più forte che cellule mafiose baresi, campane e napoletane siano già nelle Marche.

Lo ha detto chiaro il neo procuratore Domenico Seccia (nella foto) incontrando ieri gli studenti al teatro di Porto san Giorgio. Nonostante la neve, ce n’erano quasi duecento. L’evento è stato promosso dal Rotary sangiorgese.

L’isola felice non c’è più. La frase fatta s’è sfatta da tempo, da oltre 30 anni.

Immagine

Dai primi dell’Ottanta, il territorio fermano, specie la costa, ha visto l’inizio dell’infiltrazione mafiosa. Questo Seccia non lo dice, forse ancora non lo sa. Però lo conferma indirettamente quando spiega che i collaboratori di giustizia, difficilmente pentiti, vengono spostati al nord per tenerli lontani dai loro paesi di violenza. E’ capitato anche da noi. Lido tre Archi di Fermo potrebbe raccontare molto.

Ma il mafioso è tale ovunque, anzi, coglie al volo l’occasione per impiantare in nuove terre ricche la perfida attività criminale.

Seccia tiene al rapporto con i giovani. Vuole svegliare le coscienze. Ha scritto due libri dalle storie tremende. Invita i presenti ad alzare la guardia. Non si rivolge solo ai ragazzi, parla anche ai docenti, ai presidi, ai sindaci, agli amministratori pubblici in genere, ai giornalisti.

Basta con Narciso che si vezzeggia nello specchio d’acqua affermando: sono il più bello!

Ma per combattere occorre sapere, conoscere a fondo. Troppa l’antimafia a parole, troppa l’antimafia di scrittori ignoranti. Troppi i libri di maniera e di inconsistenza. Troppi i professionisti dell’antimafia, per dirla con Leonardo Sciascia. Occorre senso delle istituzioni, invece, occorre rispetto della legge, occorre voglia di andare avanti e di non piegare la schiena. Occorre soprattutto uno Stato giusto e vicino alle popolazioni. Uno stato coraggioso!

E qui mettiamo i puntini di sospensione…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...