IL PUNTO FERMO! La domanda sul vivere. Mario Rossetti ci ha lasciati (di Adolfo Leoni)

Piove a dirotto. Cielo grigissimo. Mario Rossetti è morto ieri notte.

Giornalista fermano del Corriere Adriatico, mi aveva sostituito da neppure venti giorni alla direzione di Radio Fermo Uno.

Io me ne sono andato, lui è restato. Poi, se n’è andato anche lui. Per sempre.

“Buonasera, Adolfo”. Alle 18:45 di ogni giorno, appariva da dietro l’angolo del corridoio della redazione, silenzioso, discretissimo.

Un saluto veloce, poche parole, quelle necessarie. Poi si trincerava in regia. I suoi contatti, le sue telefonate, il programma di ogni tardo pomeriggio.

Immagine

Lo sport: il suo campo d’azione. Sapeva tutto di calcio, ma anche del resto.

La domenica, poi, la sua Fermana, con la quale sapeva essere amante e giudice severo.

Abbiamo lavorato insieme tanti anni. E tante volte mi sono chiesto perché lui solo nello sport. Aveva la penna del grande giornalista. Sarebbe stato un buon segugio nella nera, un reporter di livello nella bianca.

Invece, sport e quasi solo sport. Come un amore che avviluppa e non lascia liberi.

Due anni fa, per natale, mi fece dono di un suo dipinto: una Madonna, e di una poesia-riflessione, stupenda.

Aveva l’animo nobile. E, forse non voleva contaminarlo imbattendosi con notizie che non fossero il campo di calcio o quello di basket.

Negli ultimi tre anni avvertivo in lui un forte anelito religioso. Quasi un presagio di una possibile fine ravvicinata.

E’ accaduto.

Ieri la bara era chiusa. Mi dicono che l’avesse chiesto esplicitamente.

Sul coperchio una foto molto bella: il suo volto, affilato, di profilo, che guarda oltre le cose, un poco triste, come chi avverte il dramma della vita, e la domanda cosa vuol dire essere uomini.

Io ci credo che nell’oltre mondo ci sia un’altra vita. E allora Mario è già all’opera: un microfono in mano, un registratore in tasca, una tastiera per tanti altri pezzi da comporre. Stavolta, pedrò, nella felicità piena.

Ciao, Mario, ci hai solo preceduti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...