MATTEO RENZI. IL NUOVO BLAIR ITALIANO. Nel Pd vince la Dc e anche Berlusconi.

Matteo Renzi (nella foto) sbaraglia la sinistra mentre i giovani ucraini – con qualche agente CIA che ce l’ha con lo zar Putin – abbattono la statua di Lenin. Coincidenze non casuali?

Renzi cresce con gli scout, si nutre di La Pira e di Prodi. Se ancora in vita stanotte avrebbe ricevuto le congratulazioni di Andreotti e Donat Cattin. Archeologia politica per i più giovani.

Immagine

Sicuramente le ha ricevute da Ciriaco De Mita. E’ un fatto che Berlusconi, nel corso di un incontro con i “Forza Silvio” lo abbia chiamato per dirgli “bravo”.

Mentre a Kiev il padre dell’Unione sovietica va giù, così come crolla D’Alema a Roma, il nuovo Blair italiano, Matteo Renzi, padre della sinistra liberale, s’insedia saldamente alla segreteria dei Democrat.

Renzi ha sbaragliato l’apparato e la sua classe dirigente. Gli ha votato il 67,8% dei 3 milioni di recatisi al seggio. I consensi gli sono venuti da chi non ha tessera.

Ha distanziato di tanto gli avversari. Cuperlo, espressione della nomenklatura, ha ottenuto il 18%; Civati, più aggressivo, più sinistro, più antipolitico, il 14,3%.

Giulio Sapelli, economista e catastrofista, ha parlato del sindaco di Firenze come di un neo-liberista, che molto ha preso dal signore di Arcore. Quanto meno in tema di comunicazione e leaderismo.

Anche le Marche hanno detto sì al toscano 38enne. Il fermano, eccetto Massa Fermana, lo ha incoronato con il 76,6%. Crolla Cuperlo al 9,9, lo supera Civati al 13,4%.

A Porto Sant’Elpidio, l’ex sindaco Mario Andrenacci, già Pd e già montiano, ha votato per Renzi.

A Fermo città si rafforza il pro-Renzi Manolo Bagalini, esce sonoramente sconfitta la pro-Cuperlo Letizia Bellabarba (consigliere regionale), respira il segretario cittadino Pd pro-Civati Piero Mennò.

Ed ora? Tutto da inventare. Per bloccare gli opportunisti già in moto, per mediare con un apparato ancora esistente, per tamponare le emorragie a sinistra.

Aria nuova? Vedremo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...