JANE AUSTEN, anniversario della nascita. Con pubblicazione (di Romina Angelici)

L’annuncio è stato dato pochi giorni fa: proprio in concomitanza con l’anniversario della nascita di Jane Austen, il 16 dicembre sarà disponibile il quinto volume pubblicato dall’Agenzia Letteraria Jo March di Perugia, rilegato con una copertina color lavanda ispirata ai giardini inglesi, intitolato: “Jane Austen, i luoghi e gli amici”, scritto da Constance Hill (con illustrazioni della sorella Ellen Hill) e tradotto in collaborazione con JASIT, l’Associazione Italiana per lo Studio di Jane Austen: “Il viaggio compiuto, nel 1901, dalle sorelle Hill in Austenland è il viaggio che ognuno di noi ha desiderato compiere”. Una biografia raccontata in un diario di viaggio tutta da scoprire.

Immagine

Jane Austen, nata il 16 dicembre 1775 a Steventon, nell’Hampshire, già all’età di 12-13 anni (ma è molto probabile già anteriormente) inizia a scrivere i primi componimenti: raccolti in tre quaderni cui viene dato il titolo di Juvenilia (Volum The First, The Second, The Third), sono principalmente parodie del genere di romanzo allora in voga: quel romanzo sentimentale fatto di amori contrastati, genitori ostili, atmosfere cupe, destino avverso, che tanto dovevano sembrare eccessivi alla viva intelligenza  e alla serenità familiare di cui godeva la giovane Jane.

Non a caso il primo romanzo ad essere acquistato da un editore (che poi però lo terrà in un cassetto) è Northanger Abbey, parodia del romanzo gotico che contiene già l’ambientazione e la caratterizzazione dei personaggi tipici della scrittrice, la quale si era cimentata anche con il genere epistolare di derivazione richardsoniana (Lady Susan, Love and Freindship -aveva un debole per il dittongo-, Lesley Castle), facendo risaltare la sua vena ironica e il gusto per i particolari.

I due romanzi più famosi nascono su una base epistolare secondo i costumi letterari dell’epoca: Ragione e Sentimento e Orgoglio e Pregiudizio sono stati interamente rivisti più di un decennio dopo  la loro iniziale stesura e pubblicati finalmente nel 1811 e nel 1813. Così si chiudeva il ciclo di Steventon per aprirsi quello febbrile e prolifero di Chawton dove Mrs Austen rimasta vedova si era trasferita insieme alle due figlie, Cassandra e Jane. Nel cottage messo loro a disposizione dal fratello benestante, Jane scriverà a pochissima distanza l’uno dall’altro Mansfield Park, Emma e Persuasione e se la morte non l’avesse rapita anzitempo, avrebbe completato anche l’ultimo, Sanditon iniziato il 27 gennaio 1817 e interrotto i primi di marzo.

Lo scenario dei romanzi è pressoché identico: famiglie di ceto medio, allocate nella campagna inglese; il motore delle storie è il matrimonio da parte delle giovani donne protagoniste. Il tutto sapientemente narrato con tono ironico e schietto da una regia divertita e realista che attinge più di una pennellata di colore dalla propria condizione  socio-familiare (checché ne dica il nipote James Edward Austen-Leigh nel suo “Ricordo di Jane Austen” dove si preoccupa di smentire l’ispirazione della zia a fatti o personaggi veramente esistiti, come nei titoli di coda dei film).

In Ragione e Sentimento le antitetiche caratteristiche sono impersonate dalle due sorelle: Elinor e Marianne (in cui qualcuno ha voluto vedere le stesse Cassandra e Jane) paladine l’una del buonsenso e l’altra del sentimentalismo, entrambe comunque messe alla prova dagli imprevisti della vita. La contrapposizione tra Mr Darcy ed Elizabeth Bennet di Orgoglio e Pregiudizio non è poi così netta anche perché si tratta di due difetti da cui i protagonisti non vanno immuni e solo correggendoli divengono l’uno degno dell’altro.

Fanny Price vive a Mansfield Park ospite dello zio, integerrima e incorruttibile, riscatterà la sua condizione di parente povera sposando il cugino Edmund. Emma è una ragazza con la presunzione sbagliata di saper combinare matrimoni : peccato che ciò avvenga solo nella sua fantasia e lei non riesca a vedere nemmeno il sincero attaccamento di chi le sta accanto.

E’ con la Persuasione che la giovane Anne Elliot si lascia convincere a lasciare il fidanzato solo perché è un ufficiale di marina alle prime armi e quindi non abbastanza ricco. Fortunatamente avrà una seconda possibilità dopo 8 anni, anche se la giovinezza è ormai sfiorita.

Dietro queste opere c’è un accurato e approfondito studio della natura umana scandagliata nei suoi ricettacoli, nelle sue reazioni e interazioni con le convenzioni sociali, con il mondo esterno, con gli altri. Allo stesso tempo i suoi sembrano copioni di sceneggiatura compiuti, da cui alcuni registi moderni hanno tratto agevolmente ispirazione per i loro film. Il realismo, la cura dei particolari, la sensibilità così vicina a quella moderna, l’attenzione al mondo femminile sono caratteristiche che dimostrano la versatilità e l’attualità di una scrittrice  nata 238 anni fa.

With Love…

 

 

 

 

 

 

Una risposta a "JANE AUSTEN, anniversario della nascita. Con pubblicazione (di Romina Angelici)"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑