IL PENSIERO DOMINANTE E I SURROGATI

Due frasi per iniziare. La prima di Chesterton, che diceva grosso modo: da quando gli uomini non credono più a Dio, non è che non credano più a niente, credono a tutto.

L’altra è di Italo Calvino: il territorio sottratto ai teologi è stato conquistato dai negromanti.
Le fedi religiose sono in discesa. Lo dicono alcune riviste statunitensi. Ma i surrogati sono in ascesa.
Nel suo Credo pedagogico, John Dewey sognava un mondo libero da dogmi e gioiosamente sostenuto dalla solidarietà benefica degli interessi umani su scala mondiale. Ne è venuto fuori invece un mondo pieno di nuovi dogmi e dall’egoismo sempre più accentuato. C’è spazio solo per l’individuo, c’è spazio solo per la rincorsa del mercato, che è la vita. Scrive questo un giovanissimo autore fotografando l’esistente.
E, di fronte, a questo sbriciolarsi di certezze, al frantumarsi di ogni solidità, ci si rifugia in nuovi miti e nuove fedi, molto pedestri, molto contingenti, molto fatte su misura.
In una sonata di Chopin: la goccia, il pianoforte ripete all’infinito una sola nota. Continua, insistente, comunque presente.
E’ come un pungolo, una domanda, una nostalgia di un bene assente.
E’ come il pensiero dominante di Giacomo Leopardi.
E’ l’eterna domanda dell’uomo: ed io che sono? Quella contenuta nel canto notturno di un pastore errante dell’Asia.
Io che sono?
Era la domanda dei Cavalieri erranti, del piccolo artigiano, del monaco e del servo della gleba, nel Medio Evo.
E’ la domanda del senza lavoro, dell’imprenditore, della madre di famiglia, della prostituta di strada. Gente d’oggi.
Cambia il mondo, cambiano i costumi.
Ma quel pensiero dominante, pur affogato dai diversivi imposti e che ci imponiamo, risbuca sempre.
Ed io che sono?
Dinanzi a questa ferita dovremo chiederci dove trovbare la risposta vera.
Nei surrogati?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...