TERRA DI MARCA. TERRA DI SANTITA’

Don Giuseppe Cecarini, sacerdote fermano, è stato a lungo direttore de La Voce delle Marche.

Ha svolto il suo ministero sotto diversi arcivescovi di Fermo. Ora che è in pensione – ma un prete va mai in pensione? – legge ancora di più, si documenta ancora di più, e scrive libri. Lui non è di quelli che ne leggono mezzo e ne scrivono dieci. Ne legge cento per farne uno.

La scrittura è una sua antica passione. E l’occhio e il taglio sono quelli giusti per raccontare la diocesi fermana da un altro punto di vista.

Madre Speranza

Madre Speranza

Don Cecarini narra la storia di uomini che hanno vissuto in questa nostra chiesa, che hanno speso la propria esistenza con passione e carità verso il prossimo. Come si dovrebbe.

E’ uno spaccato di positività e di testimonianza. Come dire: si può vivere così, il cristianesimo non è alienazione, è vita nuova. E’ un atteggiamento diverso.

Torna in mente un passo del salmo che recita: «Toglierò da voi il cuore di pietra, e vi darò un cuore di carne». Umano, umanissimo.

L’ultimo lavoro di don Peppe è un volume dal titolo “Santi e Beati”.

Sono quelli particolarmente venerati nell’Arcidiocesi di Fermo.

Ancora una volta lo ha dato alle stampe la Andrea Livi editore. Sono 24 personaggi. Dal beato Antonio da Amandola alla beata madre Speranza, dal beato Giovanni da Penna al beato Pietro da Mogliano, dal beato Giovanni da Fermo (detto de La Verna) a san Giacomo della Marca, ai santi Alessandro e Filippo, san Nicola, san Claudio, per chiudere con il beato Antonio Grassi. Una storia di volti, di azioni, di fatti.

Notizie sintetiche. Un affresco che si compone di tante pennellate diverse.

«Molti sacerdoti e laici mi hanno insistentemente chiesto di fornire, in forma breve, notizie riguardanti la vita dei santi e beati maggiormente venerati nell’Arcidiocesi di Fermo. Ho accolto questa richiesta poiché la conoscenza della loro vita rappresenta un costante richiamo al dovere di ogni cristiano di tendere verso la santità». Così scrive don Cecarini nella presentazione.

«Abbiamo voluto realizzare questo libro Santi e Beati a compendio di una lunga e prolifica collaborazione editoriale con don Giuseppe Cecarini, il quale intende farne dono a coloro che amano la storia religiosa della nostra Arcidiocesi», così scrive l’editore Livi.

Non è un libro religioso. Un testo minore, da tenere in sacrestia o tra i volumetti delle preghiere.

E’, invece, un pezzo di una lunga storia che aiuta a capire la storia di questa nostra Terra. Dove la santità non è mancata e non ha mancato di influire sul progresso del Fermano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...