Fermo. Le scelte da fare. Il coraggio di avere

Arrivi a Monte San Giusto e, sotto all’indicazione stradale, leggi: Città del sorriso.

Il comune calzaturiero ha sposato da anni la filosofia di Patch Adams e la porta avanti. Identificandosi in quel ruolo di sorriso e levità.

Poco oltre, c’è Montegranaro. Anch’esso comune calzaturiero. Sempre sotto all’indicazione stradale è evidente la scritta: Città degli artisti di strada. Anche qui una iniziativa di successo ha identificato la comunità locale.

fer

Sala del Mappamondo e Teatro dell’Aquila di Fermo

Montegiorgio dovrebbe aver quasi pronta la scritta “Terra della Dieta mediterranea!” memore della famosa indagine scientifica denominata Seven countries study. Anche altri comuni dell’area collinare potrebbero identificarsi come “Terre della Dieta mediterranea”.

Sorriso, spettacolo, stile di vita.

Cosa scrivere sotto Fermo? Non perché ci sia bisogno di farlo. Ma per facilitare una comprensione immediata della città.

“Città da a… mare”, come venne ribattezzata anni fa, dice e non dice.

Un termine debole e oltretutto abusato, secondo gli esperti di comunicazione.

“Città di studi” andava bene 50 anni fa, quando alcuni istituti si distinguevano a livello nazionale.

E’ difficile cogliere un insieme tanto ampio di aspetti fermani dove nessuno, in fondo, prevale.

Fermo è storia antica (i villanoviani del Colle Sabulo, i Piceni delle fibule, i Romani delle mura e delle Cisterne); è storia medievale (con le chiese, le torri, la Cavalcata dell’Assunta); è rinascimentale (con i palazzi nobiliari e quelli agrari); è moderna  con la ferrovia sino a quasi piazza, l’apertura della “Strada nuova”, il Teatro dell’Aquila qualche tempo prima.

E’ contemporanea… e qui viene poco o nulla se non gli scatoloni di cemento armato lungo le piane e i condomini anni 50-60, con tapparelle o simili, del centro storico .

Ma siamo già nella cronaca.

Dunque: Fermo cos’è? Quale distinzione può avere? Quale caratteristica emerge più delle altre?

Un problema che anche la Giunta Calcinaro e il Consiglio comunale dovranno affrontare se non vogliono galleggiare nella sola risposta al quotidiano.

laura cima

Composizione grafica di Laura Cima

In una recente e interessante intervista a Soul su TV2000, Giuseppe De Rita del Censis, parlando delle classi dirigenti italiane, ha detto che sono preoccupate e stanno rispondendo solo alla “cronaca”, al fatto immediato, all’emozione del momento. E non hanno sguardo sulla storia e sul futuro.

In Palestina circola un detto: “Chi semina datteri, non raccoglie datteri”. Per dire che ci sono tempi in cui occorre seminare senza prospettiva immediata di vedere il frutto, ma sapendo che il frutto ci sarà. Dopo.

E’ la filosofia degli statisti.

Purtroppo oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, la filosofia è quella dell’ottenimento del consenso, ora.

Come dire: guardo le indagini statistiche, fiuto gli umori, avverto le richieste e mi muovo di conseguenza.

Rispondo cioè a quello che è il desiderio (?), capriccio (?) dell’istante. Che potrebbe essere anche buono e giusto.

Ma andrebbe soppesato alla luce delle mode e dei messaggi subliminale (e neanche tanto) dei nuovi e vecchi media. Desideri indotti, li chiama la sociologia.

Tornando al nostro piccolo locale, al di là del “panem e circenses” prevalso in questi ultimi mesi, sarà bene alzare, lo sguardo.

Conforta che gruppi di giovani – come gli architetti e i creativi dello scorso anno, ma non solo loro – il problema se lo stanno ponendo. E proponendo, se non soluzioni, quantomeno incontro e dibattito.

La sfida di Calcinaro & C. sarà quella di valorizzare le proposte e scegliere le migliori. Magari scontentando qualcuno e diminuendo la vetrina politica, ma domandandosi sempre: a cosa serve? quanto crescerà il territorio? Come crescerà?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...