Nelle foto di Ado Lombardi c’è la storia di un territorio

Sciarpa al collo, inseparabile cappello, andatura dinoccolata, guance un po’ scavate, la serietà del viso che tradiva riservatezza e forse timidezza.

Ado Lombardi appariva così. Ado: il fotografo di Montegiorgio e dei paesi limitrofi. L’amante della macchina fotografica e delle sue evoluzioni. Oggi sarebbe a documentare con telecamera d’ultima generazione i danni del sisma e la ricostruzione degli uomini.

lombardi

Gli studiosi di storia un tempo scavavano negli archivi, leggevano documenti, spazzolavano via la polvere dei libri negli scaffali. Oggi guardano anche l’immagine, sia quella fissa delle foto sia quella in movimento delle camere digitali.

Ado ha documentato decenni di vita e cultura locale, non periferiche. Un patrimonio che fa gola a storici e antropologi. Un patrimonio che non è rimasto custodito nelle stanze della sua vecchia casa di via Cestoni, centro storico. Ma è diventato patrimonio di tutti grazie a sua figlia Altea, più nota come Tea, la maestra. Due libri fotografici, che raccontano oltre mezzo secolo di vita. Un grosso e paziente lavoro. Il primo volume è intitolato Attraverso l’obiettivo. Quello più recente, che è Istanti di Montegiorgio – anni cinquanta e sessanta, verrà presentato proprio oggi, alle ore 17, nella sala detta Falegnameria dell’ex convento di sant’Agostino.

Sono immortalati i luoghi del cuore, una Montegiorgio sotto la neve, le persone incontrate nei vicoli, per strada: gente anche stramba e suggestiva, bambini che ancora giocavano per via. Sono scatti che hanno immortalato scolaresche, il lavoro, il mercato del venerdì, gli eventi civili e quelli religiosi come la cerimonia commemorativa del 4 novembre del 1954 o, sempre dello stesso anno, la Peregrinatio Mariae. Oppure, la nascita della Fabbrica Alessandrini divenuta poi, passando di mano, l’attuale Metaltex.

La passione per la fotografia diventa professione nel 1936 quando Ado, che aiutava la moglie Laura nei mercatini ambulanti costruendo giocattoli di legno, acquista una macchina fotografica e inizia a lavorarci. I fotografi di paese ancora non ci sono. Lui è l’unico o quasi. Dai noti Ghergo di Macerata, apprende tutte le tecniche del tempo e, come scrive la signora Tea, «sorretto da una forte motivazione e da notevole inventiva, raggiunge un elevato grado di professionalità». Apre un piccolo studio in contrada Cota e diventa così «il fotografo di Montegiorgio e del circondario», quello cioè che immortala Coppi e Bartali a Belmonte, quello che fissa l’immagine della Gola dell’Infernaccio anni Cinquanta, che documenta il trenino a Porto San Giorgio, le gite al Santuario della Madonna dell’Ambro a fine anni Quaranta, le corse di cavalli paesane, il vecchio convento francescano.

Documenti straordinari. Alcuni a colori. Perché i suoi pastelli erano superbi.

La Scheda:

Ado Lombardi nasce a Montegiorgio il 9 novembre del 1906.

Rimane orfano del padre Alfredo (la mamma si chiama Fausta Cannicci) a sei anni. Una perdita che lo segna profondamente. Frequenta la scuola elementare fino alla sesta classe, rivelando una spiccata attitudine al disegno. Trascorre adolescenza e giovinezza come apprendista nella bottega degli Orsolini, famosi ebanisti. Nel 1927 sposerà Laura (Lina) Rubiconti, un felice matrimonio, con quattro figli, che durerà per 64 anni. Ado Lombardi morirà il 27 gennaio del 1991. Oltre alla fotografia, il suo amore è stato anche per la pittura esercitata soprattutto negli anni della pensione.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino di sabato 5 novembre 2016

#destinazionemarche #montegiorgio #faustocoppi #bartali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...