CAMMINO LA TERRA DI MARCA. Da Santa Vittoria all’Aquila di Montefalcone

L’aquila amata da Zeus. Prediletta da Alèxandre. Identificante san Giovanni Evangelista. L’aquila (aquila piccola o falco grande) emblema di Montefalcone Appennino. Uccello di montagna. Libero e astuto.

montefalcone-rocca

Riemergono letture mentre salgo la ripida scala che porta alla Rocca. Giornata tersa. Solo due auto parcheggiate più sotto rimandano alla modernità. Altrimenti, si sarebbe proiettati a secoli fa. Quando il sangue scorse forse anche su questi gradini. 40 giorni di assedio per stanare il «secondo Nerone», Rinaldo da Monteverde. Fermani all’attacco, guarnigione ghibellina asserragliata e irridente. Poi, il tradimento dei luogotenenti (sempre i 30 denari!) e la cattura di Rinaldo (e della famiglia). Finirà decapitato a Fermo.

montefalcone-domus-appennino

La Domus Appennino

Due secoli dopo, nei pressi del cimitero, dove oggi sorge la Domus Appennino, Matteo da Bascio abbandona gli Osservanti per fondare i Cappuccini. Secoli di ferro, sangue e pietà.

montefalcone-san-pietro

Chiesa di san Pietro in Penne

Arrivo da Santa Vittoria in Matenano. Dieci chilometri circa: due ore di cammino. L’associazione Antichi sentieri Nuovi cammini cerca da tempo un viottolo che eviti l’asfalto. Non ce n’è. O, meglio, occorrerebbe scendere nei fossi e risalire i calanchi. Improponibile. Incrocio in tutto tre vetture: due della Polizia, una della Protezione civile. Nei campi niente neve. A Montefalcone ancora un po’.

montefalcone-san-michele-arc

La Parrocchiale di San Michele arcangelo

La chiesa di San Michele Arcangelo è la parrocchiale. Ci sono quadri del dimenticato don Giuseppe Toscani. Nella via ci si parla da finestra a finestra. A tema c’è un pollo da rosolare. L’ora di pranzo s’avvicina. Palazzo Felici è del 1600, e accoglie il museo dei fossili, un quadro dell’Alamanno, il Centro di Educazione Ambientale.

montefalcone-palazzo-felici

Palazzo Felici

Lo scrittore Pierluigi Bartolozzi definisce uno dei proprietari: Antonio Felici, «il giacobino». Si arruolò nella Grande Armata di Napoleone.

Il palazzetto comunale è un tutt’uno con la sottostante farmacia. Un’impiegata, biondina, saluta gentilmente il richiedente depliant turistici. Quasi di fronte c’è il forno. Gustosa la pizza bianca con cipolle. Meglio ancora gli spumini e quella specie di biscotti allungati (verrebbe da scrivere savoiardi ma dopo l’invasione sabauda del 1860 non ce la faccio) un tempo prerogativa delle monache. C’è un fabbricato antico con loggetta del ‘500. Fu casa natale (1908) della venerabile Paola Renata Carboni trasferitasi poi a Fermo. Dal balcone con a destra la Rupe e a sinistra Comunanza si ammira oggi un impettito Gran Sasso.

montefalcone-osteria

L’ex Osteria da Quintilia

La chiesa di San Pietro in Penne è del 1300. Ha un abside che guarda non l’Oriente, come nell’architettura tradizionale, ma l’Ovest: la Sibilla… Siamo – fummo – terra di quasi eresie… o forse di grandi libertà.

Della storica Osteria da Quintilia restano imposte chiuse, terrazzo con fiori avvizziti e malinconica scritta su legno.

In decadenza il palazzo dell’Opera Pia Cesare ed Elvira Marziali.

montefalcone-opera-pia

L’Opera pia Marziali

Più sotto si vede l’edificio che accoglie le scuole: una quarantina di bambini e ragazzi che arrivano anche da Smerillo.

Il grande buco nel ventre della montagna (il traforo) resta sempre opera affascinante così come la più sopra posta chiesa di Santa Maria in capite scalarum.

Raggiungo i mille metri: Punto trigonometrico. Un ciclista arranca. Un anziano guarda il bosco. Da qui si coglie il mondo.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, domenica 26 febbraio 2017

#Montefalconeappennino #SantaVittoriainMatenano #Sibillini

Annunci

One thought on “CAMMINO LA TERRA DI MARCA. Da Santa Vittoria all’Aquila di Montefalcone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...