MINORI… PER MODO DI DIRE. Parole e poesia di Nino Marino

Un paroliere, un poeta, un compositore. E anche un talent scout.

Personaggio eclettico, con la musica nel DNA familiare.

È tutto questo – ed ancora di più – Gaetano «Nino» Marino.

Quando parla, lo fa sottovoce come per non andare fuori tono.

E quando parla, sorride. Simpaticamente. Empaticamente.

Una vita tra le sette note.

Nino Marino

Paroliere e poeta: Gaetano Marino

Appena maggiorenne scrive le sue prime composizioni Donna vanità e Per te io dovrei. A produrle sono Teddy Reno e Rita Pavone. Personaggi memorabili. L’etichetta  discografica era la prestigiosa  RCA italiana di Roma,  la voce, invece, era di «un amico con cui ho condiviso i primi passi, le prime “fregature” e i primi guadagni: il sangiorgese Marco Fedeli che per un ventennio ha cantato nei locali di tutta la penisola, per lo più in Emilia Romagna».

Nel 1982 il primo contratto di edizione. «Per iscriversi alla SIAE e vedere riconosciuti i tuoi diritti, dovevi essere professore di musica per la categoria “compositore” o laureato per la categoria “Autore della parte letteraria”. Io non ero nemmeno diplomato e ho dovuto sostenere un paio di esami interni alla società per ottenere l’iscrizione alla sezione musica. All’inizio solo come Autore, poi negli anni anche compositore».

Nino

Importanti per Nino sono stati gli incontri. Come quello con il maestro Gianmaria Berlendis, l’uomo che ha riportato l’orchestra al festival di Sanremo in occasione della quarantesima edizione. «Serio fino a mettere soggezione, era un vero Maestro, anche di vita e nonostante eravamo diventati amici e ci siamo frequentati per anni, dal primo all’ultimo giorno fino all’ultimo, gli ho sempre dato del lei per dimostrargli il mio rispetto».

Altra significativa conoscenza e frequentazione è stata quella di Piero Vivarelli, lo scopritore di Adriano Celentano. Personaggio brillantissimo, annoverava tra gli amici Renato Zero,  Antonello Venditti e Caterina Caselli.

Nino Marino ha avuto un altro maestro, in questo caso una maestra di vita: Nilla Pizzi, la regina della musica italiana con la quale ha condiviso la stesura di una decina di canzoni. «Una di queste ha fatto con lei il giro di una parte di mondo. Aveva una grande carriera alle spalle, ma non parlava mai del passato, era proiettata sempre verso il futuro e sul palco era come per la strada, di una simpatia e  di una umiltà uniche».

Oggi la persona più significativa con cui sta collaborando è Beppe Carletti, il leader storico dei Nomadi. L’artefice della carriera di Francesco Guccini, Luciano Ligabue e Zucchero, ha musicato i testi: Animante, Figli dell’oblio e Lascia il segno di Nino Marino.

L’ultimo lavoro insieme è stata la recente uscita di una giovane artista di Frosinone, Ilaria Cretaro. Per lei Nino ha scritto Angelo della notte, edizione e produzione Nomadi.

La Scheda:

Gaetano Nino Marino è nato a Milano nel 1963. Vive a Fermo d’estate e in Abruzzo d’inverno.

Ha iniziato a lavorare scrivendo spot pubblicitari  per la sua Nuova Radio Centro Italia di Porto San Giorgio e scrivendo articoli per Pegaso 2000 e dintorni.

Come poeta, nel 1984 interpreta al Maurizio Costanzo Show una sua lirica inserita nella raccolta Un’ora da Re. Due sue liriche si trovano anche nella Antologia del premio  letterario Fonopoli: Parole in movimento. Altre poesie vengono pubblicate nel corso del Duemila.

Nel 2016 si è cimentato anche nella scrittura dei testi dell’Album Libero se canto del tenore Marco Berti, coadiuvato anche dal figlio Giulio Maria.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, sabato 15 aprile 2017

#INomadi #Musica #Poesia

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...