MINORI… PER MODO DI DIRE. Un coach tutto particolare: Domenico Baratto

In questi mesi è sfollato a Fermo. La sua casa di Amandola è inagibile. Domenico Baratto, alto e magro, è possibile incontrarlo camminare per i vicoli fermani, tra case di popolo e abitazioni aristocratiche: faccia sorridente e sguardo aguzzo.

Ora che la temperatura è ridiscesa, indossa un giaccone di pelle che me lo fa somigliare – anche la capigliatura aiuta – ad uno dei giovani filosofi di Francia, fine anni Settanta, quelli a difesa di Solgenitsin e del suo Arcipelago Gulag.

Baratto

Il dr Domenico Baratto

Domenico è amante delle relazioni. Mai un blocco quando si parla con lui; mai un pregiudizio che ostacoli il dialogo. Idee sì: tante; punti di vista sì: altrettanti. Sarà perché s’intende di neuro linguaggio; sarà perché nella vita la sua professione è quella di coach. Non di pallacanestro. Ma di mente. Non un guru. Ma un allenatore di imprenditori – e di gente comune, anche giovani – perché tirino fuori il meglio di sé. O, meglio: diventino più se stessi. Questa è la sua professione.

«Sono sempre stato attratto dalla mente umana – spiega – e, in particolare, dalle dinamiche che si innescano all’interno di una relazione interpersonale». Questione anche di incontri che segnano una vita. Baratto ha avuto la fortuna e il coraggio di avvicinarsi a maestri «che in vari periodi della mia vita mi hanno dato numerosi insegnamenti. Mi sono avvicinato, ad esempio, alla pratica della relazione di aiuto grazie ad un professore che ho avuto la fortuna di frequentare per diversi anni e, in particolare, ad un libro, che lui mi fece studiare, e per questo lo ringrazio di cuore, per un esame all’Università, “Coaching Life. Il coraggio di inventarsi la propria vita”». Ma i suoi veri maestri rimangono i genitori: Alberto e Maria Luisa Leombruni.

Tra le sue passioni ci sono i cani «e il loro modo unico di relazionarsi con gli esseri umani». E le letture. Alcuni autori lo accompagnano ancora oggi: Martin Buber, Antoine de Saint-Exupéry, Bauman, Rogers. Non solo: «Mi piace poi entrare in libreria e farmi conquistare da un titolo». Per la musica sceglie autori e canzoni che abbiano a dire qualcosa: Dalla, De Gregori, Battisti, De Andrè, i Dire Straits, i REM, Springsteen.

Baratto è all’origine del Filofest, la manifestazione filosofica del fermano. Ci sta lavorando proprio in questo periodo. Il progetto nacque con un incontro casuale con uno filosofo. «Una cena, un’idea e siamo partiti con l’obiettivo di portare la filosofia, attraverso un linguaggio accessibile, a tutti coloro che la amano». Nel cassetto c‘è un progetto nato guardando la montagna ferita. Riguarda un nuovo modo di far turismo. «Proporre pacchetti incentrati sul ritorno al ritmo naturale della vita, a tempi naturali, a cibi naturali, a relazioni naturali. E il Filofest vuole andare sempre più in questa direzione».

La Scheda:

Domenico Baratto è nato ad Amandola il 12 gennaio del 1976.

Dopo il diploma di maturità scientifica, s’è laureato in  Scienze della Formazione, quindi ha frequentato scuole di counseling di livello nazionale e internazionale per una formazione riguardo le tecniche della relazione di aiuto in ambito aziendale. Successivamente ha seguito corsi in programmazione neuro linguistica in istituti riconosciuti dalla National Federation (Venice-Florida/USA). «I tre livelli di master hanno contribuito a farmi acquisire abilità e tecniche operative nella comunicazione verbale e non verbale e nella formazione aziendale». Oltre al Filofest e al coaching, sta mettendo su famiglia.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, sabato 6 maggio 2017

#destinazioneMarche #chebellalavita #Amandola

 

 

 

 

 

 

Annunci

One thought on “MINORI… PER MODO DI DIRE. Un coach tutto particolare: Domenico Baratto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...