GENTE DI CAMPO. L’azienda Scendoni, da Ortezzano a Grottazzolina

Grottazzolina, via Fonte Carrà 18: la collina da un lato, il fiume Tenna dall’altro. In mezzo, una bella e fertile distesa di alberi da frutto e non solo.

Lorenzo ha un anno e mezzo, e gioca con le margherite tirando via anche ciuffi d’erba. La terra già gli piace. Sua madre si chiama Emanuela, è architetto e non disdegna di dare una mano tra i campi. Anche sua zia, che di nome fa Stefania ed è laureata in Beni culturali, non si sottrae alla campagna. La nonna di Lorenzo è Paola Mazzoni. Quando arrivo la trovo a spiccar ciliegie, cappello in testa, il sole picchia. Il capo famiglia è nonno Ubaldo Scendoni: la campagna da sempre nel cuore. Il suo di nonno, Francesco, era mezzadro dalle parti di Ortezzano. Negli anni ’60 acquistò un pezzo di terra lungo la piana del Tenna e portò con sé la famiglia. Da mezzadri a piccoli proprietari.

scendoni um e pa

Paola e Ubaldo Scendoni

Oggi Umberto coltiva, aiutato dai suoi familiari, cinque ettari di campo vocati a girasole, orzo, farro e grani antichi da cui si ricava una farina particolare. C’è anche il mais. Si tratta dell’ottofile rosso da cui si ottiene una particolare farina per polente.

Mezzo ettaro è invece a vigneto. I vitigni sono soprattutto tre: il Trebbiano (quest’anno lo hanno imbottigliato presso la Cantina Carassanese), il Montepulciano e il Sangiovese della Nera. Poi ci sono gli ettari destinati a frutteto: mele rosa, prugne (Golden Plum), albicocche di un tipo particolare (Paola le definisce «antiche»), pere (William rosse, Abate, Cosce). Non mancano gli olivi, con i tipi del Piantone di Falerone, Leccino e Frantoio.

scendoni fam

Generazioni di Scendoni

Nell’orto, dalla geometria invidiabile, crescono pomodori, patate e verdure diverse. Diserbanti zero!

Mentre calpestiamo la terra che copre «lu vallatu» (il corso d’acqua parallelo al fiume), Paola indica l’irrigazione a goccia.

Più verso ovest, ci sono le arnie: 60 famiglie che producono miele millefiori e acacia. Con la cera delle api i bambini preparano candele. Un gioco ma anche una manualità da sviluppare per gli allievi delle scuole che visitano l’azienda agricola di Ubaldo Scendoni riconosciuta come fattoria didattica. C’è una stanza per le lezioni e un laboratorio per le manipolazioni.

scendoni campo

Da un anno, il vecchio casale è stato ristrutturato ed oggi è un B&B con tre camere e tetto con pannelli solari. Gli ospitati possono sciamare per la campagna, mangiar frutta dagli alberi, cucinare nel vecchio forno.

La mattina in cui vado, alcuni di Treviso se ne stavano sotto i ciliegi.

Paola e figlie preparano colazioni tradizionali: dalle marmellate ai succhi di frutta.

Nel magazzino di fianco al B&B c’è il punto vendita diretta (Campagna amica – Coldiretti) dove trovare tutta la produzione aziendale: dal farro al miele, dalle marmellate alla frutta all’olio.

Scendoni - B&B

Il B&B

Ubaldo e Paola vendono anche al mercato coperto di Fermo e partecipano quando possono ai mercatini nei borghi.

Quando saluto, Lorenzo è intento a spettinare le erbe. Il nonno lo guarda e forse si augura per lui una laurea e la libertà della campagna (senza nascondergli però i sacrifici).

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, venerdì 2 giugno 2017

#mediterraneandiet #destinazioneMarche #campagnamica

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...