La Notte

Non vorrei violare la notte.

Vorrei lasciarla intatta.

Intatta nel silenzio,

nell’abbraccio delle cose,

nel mistero che le ammanta,

nell’enigma della vita.

Vorrei che altro ci parlasse:

quello spirito intriso nella terra,

quella brezza che la mano non carpisce,

quel timore dell’ignoto che restituisce povertà.

Creato, Creatura, Creatore.

luccio

Di giorno annoto le distanze.

Di notte entro nell’abbraccio universale.

Non vorrei violare la notte,

né darle un nome io.

Vorrei che fosse lei a parlarmi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...