MINORI… PER MODO DI DIRE. La resistenza dei fratelli Bocci. La montagna e il terremoto

Gloria, Loriana, Cristiano. Tre fratelli. Tutti giovani. Sono la famiglia Bocci, di Piedivalle. Da cinque anni gestiscono l’Hotel Ristorante Ambro. Lo hanno preso in affitto dai Padri Cappuccini. La struttura era chiusa da quattro. Ce ne sono voluti due per rilanciarla. Altri due per esserne soddisfatti. Uno per conoscere la durezza di un terremoto che, pur non avendo minimamente intaccato la struttura, ha impaurito i visitatori del vicino Santuario.

Incontro il terzetto in una giornata di sole e di gran caldo. Sediamo sotto al portico. «Lo scorso anno, di questi giorni, – spiegano – nel pieno delle ferie, saremmo già affaccendati in cucina, al bar, tra i tavoli». Ora la clientela è diminuita di molto. La chiusura del Santuario si fa sentire anche in questo genere di economia.

Sul ponte e dinanzi alla chiesa c’è gente, ma non è quella del gran turismo, dei pulman, dei viaggi organizzati.

Bocci

Da Sx: Cristian, Gloria e Loriana

I nostri non si scoraggiano. Sono gente di montagna. Le più loquaci, in ordine, sono Gloria e Loriana, entrambe diplomate all’Istituto Psico-pedagogico di Ascoli Piceno. Loquaci, dirette e molto concrete. Cristiano è il più giovane. S’è diplomato all’Agraria di Ascoli Piceno, ed è un conoscitore di funghi e tartufi, oltre che amante di montagna.

Al di là del fiume c’è Il Chioschetto nel Bosco. Lo gestiscono mamma Mariangela Flammini e papà Pietro Boschi. Insomma, una famiglia di ristoratori che ha come capostipite nonno Giuseppe Flammini, oggi 96 enne. Fu lui ad aprire il chioschetto 55 anni fa coadiuvato da nonna Giovanna.

sdr

Il Santuario della Madonna dell’Ambro

Tornando ai giovani, ne hanno pensate e fatte tante per rilanciare la struttura: Festa di Capodanno, festa di Carnevale, aperitivi particolari, apertura continua. Ma la ricetta vincente è la cucina. Gloria, Loriana, Cristiano vi si alternano per preparare tagliatelle ai funghi e ai tartufi, gnocchi, gorbini e grigliata di carne. Mestiere imparato dai nonni. I prodotti vengono acquistati dalle aziende del territorio, così come i vini, il miele, le marmellate. O come la Genziana e l’Amaro dell’Ambro. Chi non è ai fornelli, porta in tavola e si occupa del bar. Nei momenti migliori, l’hotel (11 camere) e il ristorante (un ferragosto furono 500 i coperti) hanno avuto bisogno di collaboratori. Vi hanno trovano occupazione i ragazzi di Montefortino, Amandola e paesi vicini.

I giovani Bocci hanno sentito dell’impegno della Carifermo per il restauro del Santuario. «È una gran cosa, dobbiamo ripartire su ogni fronte, non dobbiamo mollare». Ma è dura. A settembre scorso hanno ricevuto circa mille disdette. Resta la speranza. Loro amano la propria terra. Qualcuno li ha definiti i «nuovi patrioti».  Intanto, portano con sé i piccoli Federico (figlio di Cristiano) e Cristian (figlio di Loriana). Chissà che anche loro…. Sarebbe bello, dicono.

La Scheda:

Gloria e Loriana si sono diplomate all’Istituto Psico-Pedagogico di Ascoli Piceno. Gloria ha lavorato per sette anni presso il Caffè Belli di Amandola, al servizio ristoro della Tamoil, all’Agriturismo Madonna dei Piani e all’Acqua Gallo. Loriana è stata invece dipendente della Merloni a Comunanza e presso un Supermercato.

Cristiano, dopo il diploma in Agraria, ha lavorato presso la cantina Polpuva di Offida e poi è diventato legnaiolo.

Alla fine, hanno deciso di mettersi in proprio. Restando in famiglia. Accettando la proposta dei Cappuccini.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, sabato 12 agosto 2017

#destinazionemarche #santuariodellambro #mangiarbene #mediterraneandiet

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...