GENTE DI CAMPO. L’azieda Masili, pastorizia e ristorazione. Ad Amandola

Giornata stupenda quella di sabato scorso. Da Madonna della Piana si scorge una Amandola originale. Issata sulla rupe come un fortilizio medievale.

Come tante punte di lancia s’ergono i colli vicini.

Sto cercando l’azienda agricola Masili Luigi. Il cognome tradisce l’origine. Luigi è sardo. Ha lasciato la sua isola a 11 anni per seguire la famiglia. Una famiglia di pastori da sempre. E pastori sbarcati prima in Toscana e poi nelle Marche dove altri colleghi s’erano fermati prima di loro.

Pecore e maialini, è l’attività di allevatore di Luigi. Maialini tipicamente sardi ovviamente, così come di razza sarda anche le pecore, che sono più piccole delle nostrane ma capaci di dare più latte.

dav
La famiglia Masili

Le une e gli altri li puoi incontrare liberi nella spianata e nel bosco che circondano una bella e suggestiva abitazione in pietra (in effetti di costruzioni ne sarebbero due confinanti). Il verde qui impera. Lussureggiante. Non mancano le querce a delimitare il bordo strada. I viottoli si aprono su decine di percorsi. La strada è bianca e soda.

dav

50 ettari in proprietà e affitto, la maggior parte è terra da pascolo con tanti alberi attorno. Ci sono poi gli spazi per i cereali: orzo e biada.

La neve dell’ultimo inverno ha fatto danni. 40 ovini sono morti nella caduta di un ricovero.

Il terremoto non ha dato tregua. La torretta che ospitava una camera è stata seriamente danneggiata tanto da dover essere abbattuta. Eppure, si va avanti. Anche qui non si molla.

dav

Latte e formaggi sono i prodotti dell’azienda Masili.  Il latte in eccesso viene consegnato alla cooperativa Sibilla di cui Luigi è socio. Ma la gran parte serve per uso interno, che non è solo quello famigliare. Anzi.

Perché da 15 anni è stato aperto un agriturismo che ha preso il nome della contrada Madonna della Piana che, a sua volta, ha avuto quel nome per la presenza di una chiesa dedicata alla Vergine. Oggi ne restano solo rovine.

Dunque, allevamento e cucina. Queste le attività dell’azienda Masili.

Luigi, oltre a pascolarlo, il maialino, lo cuoce divinamente, raccontano i clienti, con le erbe giuste e con le giuste tinture.

Sua moglie Patrizia, che invece è amandolese doc, risulta molto esperta negli antipasti e nei primi.

Francesco ha 31 anni, diplomato all’Istituto Professionale di Sarnano, funge da aiuto in sala e da una mano nell’allevamento. È uno dei pochi giovani – forse l’unico – che ho incontrato senza l’attrazione fatale per facebook.

dav

Come farsi i clienti? La sua risposta è lapidaria: «Buoni prodotti, buona cucina, e passa parola».

La struttura ha anche sei camere per l’ospitalità. Per sei mesi però è rimasta chiusa causa sisma. Ora non più.

Se domandi il piatto forte della casa, ti sentirai rispondere con una sfilza di tipicità sarde tra cui il pane carasau e i ravioli. Poi, si va sicuri sulla coratella d’agnello e, naturalmente, il maialino arrosto.

Sviluppi? L’azienda punta decisamente sugli ovini ma anche sull’ampliamento dell’agriturismo. Occorrerebbe allargare la cucina e predisporre anche una piscina. Ma qui entra in campo la burocrazia. E il discorso devia…

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, venerdì 27 ottobre 2017

#Amandola #Pastorizia #Agriturismo #maialinoalforno

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑