VITA DA SINDACI. Luciano Evandri da Monte Vidon Combatte

Luciano Evandri è sindaco di Monte Vidon Combatte dal 2004, rieletto con la lista civica Per Collina Monte Vidon Combatte San Procolo.

Iniziamo con la sua giornata da sindaco.

Inizia molto presto, anche perché svolgo la professione di geometra. Tutti i giorni vado in municipio, se non subito nella seconda parte della giornata. Dopo pranzo torno al mio impegno di geometra, però capita spesso di dover partecipare a incontri e riunioni amministrative. Non mi annoio certo.

L’urgenza di stamattina?

Ho fatto un sopralluogo in cantiere con il geometra del comune nel locale che stiamo sistemando per trasferirvi l’ambulatorio medico. Il vecchio locale lo metteremo in vendita. L’amministrazione ha deciso di alienarlo.

Evandri Luciano
Il sindaco Luciano Evandri

Il terremoto ha fatto danni?

Per i beni pubblici stiamo messi bene: tutti agibili. Per i privati – i sopralluoghi sono termini da poco – qualche criticità esiste negli edifici più vecchi del centro storico. Ma non ci sono stati grossi problemi.

La difficoltà?

Lo spopolamento. Negli ultimi tempi è stato significativo. Sia per le persone che hanno scelto di stabilirsi lungo la costa, sia per i decessi degli anziani. Le famiglie giovani sono sempre meno. Non c’è ricambio. Riusciamo a mantenere una scuola per l’infanzia grazie ad un accordo con i paesi limitrofi. La scuola elementare, anche se pluriclasse, soffre.

Poi il lavoro. Però ci si sposta facilmente in altre zone.

Aziende locali?

Un’azienda agro-alimentare lungo la Valdaso che trasforma prodotti agricoli; poi piccole realtà, sempre agricole, a livello famigliare. Nulla più.

Stranieri?

Ci sono diverse famiglie di albanesi e romeni ben integrate. Partecipano a tutti i nostri eventi.

Mancano, come invece si registra in altre arti, persone provenienti dal Nord Europa.

La vostra debolezza?

Diventa molto difficile mantenere in piedi i servizi: le scuole soprattutto, l’ufficio postale, i servizi primari. Le difficoltà sono legate ai trasferimenti statali, che nel tempo sono andati diminuendo. Per noi piccoli è un grosso problema reale. Non avendo poi aziende di riferimento la gente se ne va altrove.

Come vorresti Monte Vidon Combatte?

Il mio sogno è di vederlo tranquillo com’è oggi ma pieno di turisti. In effetti devo dire che negli ultimi anni qualcosa si sta muovendo. Però si potrebbe fare molto di più in sinergia con i paesi limitrofi.

Bilancio?

Intorno ai 600 mila euro.

Rapporto con i sindaci vicini?

Sono buoni. Stiamo portando avanti diversi progetti. Come l’accordo agro-ambientale della Valdaso, abbiamo messo insieme con il comune di Petritoli e di Ortezzano alcuni servizi per il funzionamento degli uffici comunali. Attualmente sono servizi in comune non fusione. Comunque, quello di cui abbiamo bisogno è di una macchina amministrativa agile e funzionante, che si può fare solo mettendosi insieme.

L’Unione Comuni Valdaso ci ha provato…

Non so dire. Quando è nata l’Unione io non ero sindaco. Non conosco la dinamica. Mi sono fatto l’idea che all’inizio era un’ottima iniziativa. Poi non so perché non abbia funzionato appieno.

Vi sentite abbandonati dalla politica nazionale?

Beh, non è solo la politica nazionale a trascurarci, anche altre istituzioni. In politica contano i numeri. I grandi centri con grandi bacini elettorali hanno più forza politica. Noi invece…

Bisogna sopperire a queste mancanze con i contatti. Dobbiamo essere bravi a mantenere un rapporto con gli amministratori dei livelli superiori: provincia, regione, stato. È l’unico modo per non essere abbandonati.

Da fare?

Abbiamo un progetto di valorizzazione del centro storico per ottenere i fondi del GAL fermano, per illuminazione a Led e riqualificazione di alcune mura storiche. Renderanno il paese ancora più bello e appetibile dai turisti.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, giovedì 22 febbraio 2018

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑