Minori… per modo di dire. La pizza di Leonardo

Il volto di un ragazzino, il ragionare di un adulto, le mani di un capace pizzaiolo.

È lui: Leonardo Sciamanna, 24 anni, da Montegranaro, imprenditore. Sì, perché ha intrapreso un’attività: ditta individuale. Ha aperto sotto i portici di piazza del Popolo a Fermo una pizzeria. Inaugurazione il 17 febbraio scorso.

Tre i sostegni: l’assessore al commercio Mauro Torresi, che ha suggerito l’apertura in centro anche per rivitalizzare il cuore della città; il Progetto Policoro,  nato nell’ambito della chiesa cattolica, per far crescere l’imprenditoria giovanile, che ha fornito una indispensabile consulenza; e l’assistenza di altri due ragazzi: Nicola Torresi e Andrea Palmieri.

bdr
Leonardo Sciamanna al centro

Leonardo ha accettato la sfida. Ha trovato il locale, lo ha attrezzato, ha messo in campo i suoi risparmi ed è partito.

Quando lo raggiungo, con lui, dietro al bancone, ci sono Lorenzo Cirella, 19 anni, di Porto Sant’Elpidio, e Lorenzo Bisconti che di anni ne ha 27. Mentre il primo funge da aiuto pizzaiolo, il secondo sta dando una mano soltanto per questi giorni.

Leonardo è un appassionato dell’arte culinaria. Della pizza s’è innamorato facendo l’aiuto cuoco nella cucina de La Fonte di Mosè a Torre di Palme. Ha poi seguito diversi corsi specifici, per assumere l’incarico di pizzaiolo effettivo al Sette mari di Porto Sant’Elpidio. È lì che ha incontrato Lorenzo Cirella, appena diplomato all’Alberghiero di Porto Sant’Elpidio. Lo ha apprezzato, lo ha visto muoversi davanti al forno, è nata un’amicizia e lo ha voluto con lui a Fermo. Ora, impastano insieme…

bty

Il locale è aperto tutti i pomeriggi (eccetto il martedì) dalle 16,30 alle 21. Nei fine settimana l’orario si estende fino a notte. Il periodo ora è un po’ morto. Ma i ragazzi se la cavano comunque discretamente e guardano all’incipiente primavera e alla prossima estate. Quando potranno posizionare in piazza tavoli, sedie e servire pizza con birra artigianale e vini locali, proponendo eventi musicali e aperitivi alla pizza.

Sciamanna interno

Il locale si chiama Pizzeria Flow. Dove Flow, azzardo, potrebbe significare flusso, andirivieni, ma anche esperienza ottimale. Non disdegno quest’ultima interpretazione dopo che Leonardo mi ha raccontato di quanto deve, come sostegno morale e non solo, alla sua ragazza: Benedetta, psicologa con master in comunicazione aumentata.

Sciamanna locale

Esterni alla pizzeria, mi hanno garantito il prodotto perché a lunga lievitazione (più di 24 ore), grassi quasi zero e prodotti del territorio.

Chiedo conferma. «I prodotti sono locali, le verdure sono del posto, la farina è la doppio zero Caputo, e il Tipo uno Orsili».

A 24 anni è una bella scommessa. «Certo, è un lavoro di sacrificio. Un duro lavoro dove ci ho messo tutti i miei, pochi, averi. Ma sono contento, e con Lorenzo andiamo d’accordo».

La Scheda

Leonardo Sciamanna ha 24 anni, è nato e vive a Montegranaro. Si è diplomato al liceo linguistico ma ha sempre avuto una grande passione per la cucina.

Dalla voglia di fare in proprio, dal desiderio di «realizzare qualcosa di buono» e dall’incontro con Andrea Palmieri e Nicola Torresi, è nata l’idea della Pizzeria Flow, contrassegnata da «forte carica energetica, e da qualcosa che muta e si evolve continuamente».

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, sabato 31 marzo 2018

#Pizza #ProgettoPolicoro

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑