Vita da sindaci. Le strade che urgono. Nicolino Carolini da Francavilla d’Ete

Nicolino Carolini, sindaco di Francavilla d’Ete, eletto con la lista civica Il Sole

Se dico: vita da sindaco, che mi risponde?

Che siamo dei poveracci: tutti i giorni a cercare le risorse necessarie per tirare avanti: dai servizi sociali alle scuole.

Ma il problema più grosso è legato a quelle strade provinciali che ci collegano a Rapagnano e a Macerata. Sono dissestate. Occorre che la Provincia faccia qualcosa. Anche perché alle difficoltà dei residenti si sommano quelle dei turisti e se vogliamo sviluppare il turismo la viabilità va tenuta molto in considerazione.

La Provincia piange miseria

Ho capito che soldi non ce ne stanno, però quei finanziamenti che si riescono ad ottenere dalla Regione sarebbe bene ripartirli equamente.

SINDACO (2)
Il sindaco Carolini

Ci sono figli e figliastri?

Quando la coperta è troppo corta, si cerca di tutelare i centri più grandi dove c’è maggiore popolazione e frequentazione. Capisco le problematiche di Fermo e del suo circondario, ed è giusto sistemare quelle strade. Però è bene intervenire anche su quelle di periferia. Non dico che siamo trascurati, ma gli interventi da noi sono finalizzati al rattoppo della buchetta. Invece di.

E il lavoro?

Siamo ancora fortunati. Auguro lunga vita a quelle aziende come Nero Giardini, Della Valle, la nostra SIFA. Questo scatolificio è importantissimo per Francavilla. Occupa 130 persone. È una ricchezza da salvaguardare. Da noi, chi ha voglia di lavorare il lavoro lo trova.

Spopolamento?

Eravamo 1080, siamo a quota 951. Il 25 per cento sono sopra gli 80 anni. Se non riusciamo a trattenere le giovani coppie, se non troviamo qualche incentivo per sostenere le nascite, ci troveremo con grossi problemi.

A proposito di anziani. Francavilla dispone di una Casa di riposo ben attrezzata

E va molto bene. Si trova a ridosso del centro storico. Stiamo ampliando la struttura,  raddoppiando l’accoglienza da 45 a 90 posti, con garages sotterranei, piscina terapeutica e palestra. All’ultimo piano costruiremo quattro  appartamenti da 42 mq.

Francavilla sta accelerando sulle qualità agricole.

Ci battiamo per la qualità dei prodotti. Da noi operano 4-5 aziende agro-alimentari di livello. Abbiamo dato vita a due manifestazioni importanti: La Sagra del maialino, dove i maialini sono quelli allevati nelle nostre aziende; e la Sagra delle patate, sempre provenienti dalla nostra terra. Qualcuno lamenta che i prodotti costano un po’ più di quelli dei supermercati. Ma le produzioni di qualità vanno sostenute e capite.

Voglio pubblicamente ringraziare le aziende agricole perché, oltre alla qualità dei prodotti, tengono in ordine la campagna.

S’è parlato di fusione con Montegiorgio. Tutto finito?

È stata una grande delusione. Ci puntavamo. Ci ha lavorato il vice sindaco Gianluca Giandomenico. I piccoli comuni, a lungo andare, non avranno più vita o avranno una vita difficilissima. Confinando con un paese che ha oltre 5 mila abitanti e quindi non obbligato a una fusione, potevamo tentare l’incorporazione. Noi tutelavamo il nome di Francavilla d’Ete, che sarebbe rimasto, i servizi sarebbero stati tutti salvaguardati. Mentre Montegiorgio diventava Municipio, con un pro-sindaco e una piccola giunta. Avremmo portato a casa 10 milioni di euro in dieci anni, saremmo stati fuori dal patto di stabilità per cinque anni. E poi le assunzioni. Non hanno voluto.

Avete una percentuale notevole di colonnine per il controllo velocità

Abbiamo un pezzo di strada pericoloso, tra il cimitero e la farmacia. Si erano verificati diversi incidenti. Per fortuna non nefasti. La velocità delle auto era considerevole. Dai controlli, è risultato che passano in un giorno 1400 auto, con l’87 per cento di infrazioni. Auto ad oltre 90-100 km. Abbiano dovuto provvedere diversamente. Con i soldi incassati dalle multe aggiustiamo strade e modifichiamo la segnaletica. Mi è sembrato saggio.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, giovedì 26 aprile 2018

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑