Vita da sindaco. Armando Altini da Falerone: buona economia e capacità di rischio

Armando Altini, 72 anni, consulente aziendale, sindaco di Falerone

Sindaco, ripercorriamo alcune tappe del terremoto.

Il terremoto del 24 agosto 2016 ha causato parecchi danni in paese. La successiva scossa del 30 ottobre ha peggiorato notevolmente la situazione tanto che abbiamo dovuto dichiarare il centro storico zona rossa. Ci siamo subito attivati per le prime messe in sicurezza degli edifici. Uno di questi interventi è stato fatto sul campanile della chiesa di San Francesco, ex convento francescano. Intervento portato a termine senza alcuna autorizzazione perché avevamo constatato che la parte conica del campanile s’era girata su se stessa, un moto di rotazione molto pericoloso. Poteva cadere da un momento all’altro. Voglio ricordare che il famoso organo Morettini del 1835, da 40 anni abbandonato, da noi sistemato e inaugurato il 20 agosto del 2016, quattro giorni dopo è stato distrutto dal crollo di un cornicione della chiesa.

altini
Il sindaco Armando Altini

Sindaco, ha rischiato qualche incriminazione…

Sì. Sì. Il sottoscritto aveva tutte le responsabilità. Ma non potevo restare immobile di fronte ai pericoli. Se non ci fossimo attivati ai primi di settembre, il successivo terremoto del 30 ottobre avrebbe provocato il crollo del campanile e, forse, anche della chiesa con danni enormi per le abitazioni circostanti, senza dire del pericolo incolumità.

Aveva allertato i vigili del fuoco?

Li avevo chiamati. Ma non avevano a disposizione una scala per raggiungere la sommità della torre: circa 40 metri. Era necessario ricorrere ad una ditta specializzata.

Assumendomi la responsabilità dell’intervento, abbiamo risolto il problema, salvaguardato il patrimonio immobiliare e scongiurato danni alla zona circostante.

Cosa che invece non ha fatto la Diocesi di Fermo per la chiesa di San Giovanni che insiste sulla piazza. Da dove sono stati traslocati gli arredi interni, senza curarsi della messa in sicurezza del tetto che è crollato anche in seguito al nuovo sisma di gennaio 2017 e alla neve.

E le spese?

Abbiamo pagato subito tutte le imprese per non crear loro problemi di liquidità. So che alcuni comuni hanno fatto le messe in sicurezza ma non hanno saldato il lavoro creando difficoltà alle ditte.

Siete ricchi, allora?

Non siamo ricchi. Comprendiamo i problemi delle imprese: se lavorano e non incassano, chi paga i fornitori?

Ci siamo mossi con delle anticipazioni di cassa. I titolari delle imprese hanno detto che siamo stati tra i pochi comuni a pagare subito.

Quanti sfollati avete ancora?

Un paio di cento.

Parliano di altro. Del restauro del cine-teatro Beato Pellegrino

Il Comune di Falerone ha partecipato a tutti i bandi che ha scovato, riuscendo a ottenere sinora 10 milioni di euro. Uno proposto dall’ANCI si basava sul crowdfunding. Dovevamo raccogliere 75 mila. Raggiunto l’obiettivo, l’ANCI ne avrebbe aggiunti altrettanti. Ci siamo riusciti. Abbiamo a disposizione 150 mila euro più un’altra cifra che proviene dai danni del terremoto. Una somma che ci consente il ripristino dello stabile dell’ex cine-teatro.

Dove punta Falerone?

Sul turismo. Vorremmo realizzare summer school nell’ex scuola media, con camere per pernottare e laboratori. Siamo in contatto con l’università di Budapest, collegata a università russe e tedesche. Il campo d’azione sarà l’archeologia. Stiamo realizzando percorsi pedonali e ciclabili che tocchino monumenti importanti e aziende agricole. Vorremmo collegarli ad altri sino a Sarnano. Proporremo anche l’uso della bici elettrica.

Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, giovedì 20 settembre 2018

#Falerone #ANCI #Crowdfunding

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑