Vita da sindaco. Michele Ortenzi da Montegiorgio

Michele Ortenzi, 44 anni, dipendente in azienda privata, sindaco di Montegiorgio, eletto a giugno scorso.

Per lei, l’amministrazione comunale non è una novità: ne è stato vice sindaco. Cosa è cambiato?

Ora è un impegno totalmente diverso. Le responsabilità sono tantissime.

Arrivo in municipio alle 9,30 e me ne vado alle 14,30. Poi, ci sono giornate in cui occorre andare in Regione o in Provincia, in Prefettura. Poi, c’è il momento della giunta, quasi sempre di sera, il consiglio comunale, gli appuntamenti con le associazioni.

Ortenzi Michele
il sindaco Ortenzi

In municipio chi viene a trovarla?

Persone di ogni tipo. Da chi si trova in difficoltà economiche a chi cerca lavoro. Spessissimo stranieri. Soprattutto sono adulti. Di giovani ne vengono pochi, quasi nessuno.

C’è poi chi propone soluzioni per i miglioramenti energetici e chi fa proposte culturali.

Per quanto rguarda il lavoro lei che fa?

Cerco di capire chi ho di fronte e se ha competenze specifiche. Poi, se posso, chiamo aziende locali e vedo la possibilità di farli inserire. Attivo anche i servizi sociali per eventuali tirocini lavorativi o borse lavoro.

Rapporti con i colleghi del territorio?

Buono. Tra l’altro, avendo già fatto l’amministratore pubblico per diversi anni, molti sindaci già li conoscevo. Con quelli del cratere c’è anche grande collaborazione. Nell’ambito della cultura, con Servigliano capofila, presentiamo progetti comuni su bandi regionali.

Attualmente stiamo lavorando ad un bando della Camera di Commercio che servirà ad attrarre un numero maggiore di turisti.

Punta di forza di Montegiorgio e punto di debolezza.

Il problema più serio è quello dell’estensione territoriale, con tanti chilometri quadrati, pochi abitanti, e poche risorse. La questione della manutenzione delle strade è molto sentita.

Il punto di forza è la storia di Montegiorgio e dunque l’ambito culturale.

E qui dovremmo giocarci per fare la differenza. Però, sembra un controsenso, potrebbe anche essere una debolezza. Nel senso che non ci rendiamo conto della potenzialità che potremmo avere. Montegiorgio è un paese molto individualista, ognuno cerca di andare per conto proprio. Se invece mettessimo insieme le tante energie esistenti, sicuramente avremmo un ruolo guida nella media valle del Tenna.

Che ci sarebbe da fare, allora?

Ottimale sarebbe che tutte le forze associative – ne abbiamo censite 84 sino ad ora – dialogassero tra di loro avendo il comune come interlocutore e sostenitore. Si farebbero cose molto importanti. Dobbiamo impegnarci su questo aspetto. La mia amministrazione sta cercando di sposare le esigenze delle associazioni e, laddove possibile, il nostro aiuto non manca. Poi cerchiamo spazi condivisi e un programma di eventi concordato in modo da non sovrapporsi. Cerchiamo di svolgere un lavoro di raccordo e di far capire che la forza di un paese sta nella capacità di comprendere che da soli non si va da nessuna parte.

Il centro storico è spopolato. La piazza piange.

Con la precedente amministrazione Benedetti lanciammo un concorso di idee mirato alla riqualificazione e valorizzazione del centro storico. Progetti interessanti ce ne sono stati diversi.

Il sisma, certo, non ha aiutato. Diverse abitazioni sono inagibili. La gente è stata costretta a trasferirsi.

La speranza è che partano al più presto i lavori edili così da far tornare i residenti. Attualmente l’iter, che non compete al comune, è ingarbugliato per non dire bloccato.

Identità prevalente a Montegiorgio?

Diverse le sfaccettature. Comunque forte è il riferimento musicale, e poi quello storico e quello del buon vivere e qualità della vita. Basti pensare al Seven Countries Study da cui è nato il concetto di Dieta mediterranea.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Giovedì, 11 ottobre 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑