Vita da sindaco. Il futuro, incerto, di Porto San Giorgio secondo Nicola Loira

Nicola Loira, 48 anni, sindaco di Porto San Giorgio.

Dov’è stato stamattina, sindaco?

Oggi è sabato (il giorno dell’intervista, ndr), non avevo impegni istituzionali, ho accompagnato i bambini a scuola e sono andato in palestra.

Sindaco sportivo…

È l’unico svago che mi concedo anche se è più un dovere: ho qualche valore – pressione e colesterolo – da tenere sotto controllo.

Loira
Il sindaco di Porto San Giorgio, Nicola Loira

Tra una flessione e un tapis roulant i problemi se li scorda?

Me li porto tutti dietro… Non ho la capacità di lasciarmeli alle spalle.

Sono un grande incassatore ma non riesco mai a staccare.

Il problema di questi tempi?

Il problema di Porto San Giorgio riguarda la costruzione del futuro. È una città dal grande passato ma è rimasta ferma con la testa a 40 anni fa, prigioniera di un territorio piccolissimo, completamente urbanizzato, senza attività produttive importanti e un turismo con poche strutture e quindi pochi numeri.

Ma a chi tocca immaginare il futuro e mettere in moto cambiamento, evoluzione…?

A me piacerebbe molto che si alzasse la testa dal quotidiano e si potesse guardare, ma tutti insieme, più in alto, più in là. Occorrerebbe che si sviluppasse un dibattito forte in città. Questo riguarda non solo la politica, anche le associazioni di categoria, il volontariato, la cultura. Un dibattito che metta a tema il futuro. E, soprattutto, come questa città debba stare all’interno di un territorio. Pensare solo a Porto San Giorgio non è limitativo, è dannoso.

Capisco: ma chi deve dare il là?

Io ho sempre cercato di spingere su questo binario. Vedo però che l’argomento non appassiona, se non qualcuno. Vedo invece che appassiona di più quello che succede al momento: il fatto del giorno, l’istantaneo.

A Porto San Giorgio sono venuti al pettine nodi degli anni ’70 e ’80.

Ma qual è la sua Porto San Giorgio, quella che immagina nei prossimi venti anni?

La mia città sarebbe una parte di un contesto molto più ampio. Ragionare oggi e in futuro solo su otto chilometri quadrati è impossibile. La vorrei quindi integrata all’interno di un’area maggiore. Per caratteristiche urbanistiche e qualità della vita Porto San Giorgio resta ancora bella, vivibile, appetibile. Mi piacerebbe coinvolgere l’intero fermano sulla questione del porto. Purtroppo, è solo il nostro comune ad interessarsene. Invece, il porto è una risorsa per tutti. Un’occasione da non sprecare. L’università Politecnica delle Marche sta facendo una ricerca che riguarda il porto nel contesto di un territorio e nella programmazione turistica. Alla Politecnica non abbiamo chiesto la mera programmazione architettonica con distribuzione di spazi e allocazione di volumi. Abbiamo chiesto altro. Quando approveremo il piano mi auguro che ci siano degli investitori interessati e capaci di sviluppare quella progettualità indicata dall’Università.

Il termine è abusato, però io penso al porto come ad un volano economico, una leva turistica importante, insieme a tante altre ovviamente.

A me piacerebbe essere coinvolto con gli altri sindaci in un ragionamento complessivo.

Cioè?

Soffro per la mancanza di una regia territoriale. Non ci sono punti di riferimento. Mi ripeto spesso che, fallita la riforma dello Stato che prevedeva la riforma delle province, le province dovrebbero tornare ad avere un ruolo politico. Le vedrei bene occuparsi di turismo. Non può essere la Regione a farlo, non è nelle sue corde. Con la nascita della provincia è stata ritrovata una identità, ma non una capacità di programmazione, di gestione collettiva. Invece, una politica comune darebbe grandi chance al fermano. Anche per sopportare e rispondere alla crisi della manifattura.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Giovedì 1 novembre 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑