Vita da Sindaco. “Ed io ci riprovo”. Parola di Paolo Calcinaro

Paolo Calcinaro, 41 anni, avvocato, sindaco di Fermo.

Qual è la sua giornata tipo?

Sono molto attivo sino a tarda notte. Al mattino, mi alzo intorno alle 7,45. Arrivo in comune intorno alle nove.

E per prima cosa che fa?

Collaziono le richieste che mi sono arrivate nella giornata precedente per poi riportarle alle pazientissime segretarie e dare i primi riscontri. I messaggi li raccolgo da whatsapp, mail, incontri fatti per strada.

E gli appuntamenti?

Ce ne sono tanti. Inizio alle 9,30.

La gente cosa chiede?

Di tutto, ed è anche bello per le diversità e per i rapporti che un sindaco può avere con i cittadini.

Vengono da lei senza passare per l’assessore competente?

Vanno anche dall’assessore competente. Però, credo che la gente senta anche fisiologicamente qualcosa di diverso nei confronti del sindaco.

Anche gli assessori hanno una fitta agenda di incontri. Quello che mi dispiace, nonostante io dia piena disponibilità, è di avere dodici pagine di appuntamenti inevasi. Però: o passo il tempo solo ad ascoltare oppure debbo anche muovermi.

La richiesta più pressante di questo periodo?

Purtroppo, c’è grande richiesta di lavoro. A volte mi sento disarmato. Difficile dare risposte anche perché dovrebbero essere le politiche territoriali a tentare di darne.

Chi viene a chiedere lavoro?

Vengono giovani e adulti. La cosa più brutta, che mi fa più male, è quando arriva un giovane che cerca lavoro per il padre. Mi lascia un groppo dentro. Non è frequente, ma capita.

Di fronte a questo, che fa?

Il possibile. Se qualche azienda dà segnali di ampliamento fornisco qualche speranza, qualche indicazione. Una qualche risposta viene anche dai tirocini sociali che, fortunatamente, non sono più legati solo alla disabilità, ma anche a fragilità sociali. Stiamo cercando di fare un incrocio tra domanda e offerta di lavoro tramite Gianni Della Casa e i servizi sociali. Piccole risposte. Poi c’è il reddito di inclusione, anche questo è un sostegno a situazioni difficili.

Il problema urgente di Fermo?

I problemi sono a 360 gradi Difficile soffermarsi sull’uno o sull’altro. C’è solo da organizzarsi. Le segnalazioni arrivano da ogni ambito: dalle strade al verde. Una cosa però che non sento più è il lamento sulla tassazione. Dopo la botta del 2012, che non fu colpa dell’amministrazione comunale, ma della nuova normativa, l’effetto è stato assorbito e ci sono state anche piccole diminuzioni. A quel tempo fu sconvolto il rapporto cittadino-amministratore.

Puntate su Campiglione come nuovo sviluppo urbano?

Campiglione avrà il nuovo ospedale, il polo produttivo di Nero Giardini, e altri interventi. Lo stesso Maccaferri (ex Sadam) ha delle proprietà per ulteriori investimenti. Serve però una ripianificazione urbanistica. Di fronte a questi nuovi motori deve esserci un corollario di servizi. Io non parlo di residenziale. Campiglione per questo è già vivibile e deve rimanere tale. Parlo invece di tutti quei servizi e attività commerciali che possono essere connesse e collegate ai motori in procinto di accendersi.Credo che dobbiamo ragionare quanto meno sulla pianificazione urbanistica di Campiglione da qui a cinque anni. E non per una città dormitorio.

I sindaci vivono una solitudine?

È una sensazione che non si coglie all’esterno. Però fare il sindaco è così assorbente che ti astrae dalla quotidianità affettiva,amicale, parentale. Capita che quando si riesce ad avere il tempo libero ci si ritrova da soli.

Si ricandiderà?

Ci riproviamo. Anche perché nei primi cinque anni si imbastisce il lavoro, e solo dopo lo si porta a compimento. Questa continuità amministrativa è un tema su cui si inizia a discutere anche a livello nazionale. L’interruzione è un grande freno.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Giovedì,29 novembre 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑