Minori… per modo di dire. La Banda come la Compagnia… del cigno. Amici

Stavolta i Minori… per modo di dire non sono due o tre, oppure sette, come quelli della Compagnia del Cigno di recente visione in tv. Neppure otto o nove-dieci. Sono settanta invece. Adolescenti. E amici. Anzi, amicissimi. Con quelli della recente fiction di Rai 1 esistono cose in comune: la musica, il suonare insieme, l’educazione, il rapporto con gli insegnanti, il metodo per tirare fuori i talenti e per affrontare l’esistenza.

Sto parlando della Banda Giovanile Interprovinciale delle Marche. Ne ho scritto qualche altra volta. Ma è l’occasione per tornarci su. Per indicare alle istituzioni pubbliche, ai decisori, a quanti si occupano di educazione un modello positivo che c’è, crea concordia, evita pericolosi scivolamenti, insegna che «da soli si va veloci, ma insieme si va lontano». E si fa prevenzione.

Tre mesi fa, la Banda è stata protagonista, al teatro Alaleona di Montegiorgio, di un convegno-testimonianza dal titolo: Emergenza educativa- La risposta della musica.

Non conosco i nomi di tutti i ragazzi. Solo di alcuni. Li cito come rappresentanza globale. C’è Cristian, c’è Valentina, c’è Leonardo, e poi Lorenzo, e poi Marco ed Enrico. E c’è Francesca Sbarbati che, rappresentando un po’ il sentire comune, ha scritto cose belle che val la pena di riportare, e magari proporre di leggere a scuola, negli oratori, nelle associazioni, in certi consigli comunali, provinciali o regionali, dove si discute di emergenza, senza scorgere il buono che nasce e che c’è tutt’intorno.

«Ogni persona dentro di sé – ha detto Francesca – ha una melodia, qualcosa da dire, e la vita è come la tastiera di un pianoforte: ci sono tasti bianchi e tasti neri e producono suoni differenti tra loro. Questo non significa siano migliori i tasti bianchi dei tasti neri o viceversa, perché se ci si pensa anche i tasti bianchi tra loro fanno suoni diversi: alcuni sono più gravi e altri più acuti. Ed è proprio questo il bello della vita: per fare una melodia non basta una nota, serve un accordo, un compromesso, grazie al quale si generano sinfonie…». E continua: «Non esisterà mai un pianoforte senza tutti questi tasti diversi tra loro, ma chi davvero ama la musica, come la vita, non escluderà mai, per ignoranza o per principio, che suoni molto diversi tra loro non possano stare bene insieme».

Salto alcuni passaggi e arrivo al paragone con lo sceneggiato. «I giovani protagonisti della fiction La Compagnia del Cigno suonano strumenti diversi nell’orchestra del conservatorio, ma all’inizio ognuno di loro è solo, concentrato nel coltivare un’ambizione che sembra soprattutto individuale. È proprio il Maestro Marioni, detto il Bastardo, a costringerli ad esercitarsi insieme, per dare supporto a uno di loro, Matteo, che viene da Amatrice – post terremoto – e deve integrarsi nell’orchestra a metà anno. La vicinanza e l’affetto che i ragazzi iniziano a sperimentare nello stare insieme li porterà a stringere un patto d’amicizia che si chiama Compagnia del Cigno, in onore di Giuseppe Verdi.
Sono proprio i legami che si creano all’interno del gruppo, della Banda o dell’Orchestra, rafforzati dalla musica e dallo stare insieme per un obiettivo comune, ad aiutarti ad andare avanti, a non arrenderti, a salvarti la vita. Mai – scrive ancora Francesca – avrei pensato, dopo 9 anni, di ritrovarmi ancora qui, con lo strumento in mano, e soprattutto mai avrei pensato che all’interno della Banda potesse crearsi un bel gruppo di amici, che attualmente si ritrova per uscire anche al di fuori delle prove settimanali e degli impegni bandistici, per una partita a bowling, una birra o un barbecue in giardino». Una risposta allora c’è!

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Sabato, 9 febbraio 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑