Gente di Campo. La Cantina e la Torre, la Dieta e il buon Vino

Quando leggo: Di Ruscio: la Cantina dei Poeti, miviene da pensare al grande Luigi Veronelli che ripeteva come il vino sia il canto della terra verso il cielo.

Un canto ritrovato sabato 23 febbraio a Torre di Palme quando la De Gustibus eventi ha proposto, presso il ristorante la Torre dell’energica Albertina, il primo incontro (ne saranno tre) su La Dieta mediterranea e il mare (poi verrà la collina e di seguito la montagna). Invitati a parlare il presidente e il vice presidente del Laboratorio Piceno della Dieta Mediterranea Lando Siliquini e Paolo Foglini.

Le cuoche di Albertina si sono sbizzarrite in un gustoso menù di pesce. Ancora più gustoso per l’abbinamento con i vini della Cantina Di Ruscio.

Ed è di questa che voglio parlarvi. Già mi colpì la sua struttura avveniristica alle piane di Campofilone. Una costruzione piena di luce, quasi un architettonico abbraccio al cliente e al curioso. Il sig. Mario Di Ruscio e i suoi figli Francesco, Barbara e Marco ospitarono nel maggio del 2016 l’avvio della prima International Student Competition di cui s’è discusso recentemente a Bruxelles come best practice marchigiana.

Ma torniamo alla storia. Tutto ha inizio con Dante e sua moglie Gina. Sono gli anni dell’immediato dopoguerra. L’Italia rinasce. Anche il vino fa la sua parte. La Di Ruscio Dante Vini produce soprattutto per la clientela locale: quella valdasina. Dal matrimonio arrivano Mario, Vinicio e Claudio. Danno una mano ai genitori. L’azienda cresce.

Mario è agronomo. Punta decisamente sul settore. Sposa Manuela, rileva l’attività commerciale di famiglia. Sono gli anni ’80. Nasce la Vinicola Di Ruscio Mario & C. Non più coltivazione e lavorazione delle uve, ma produzione di vini dopo aver scelto le migliori dai migliori produttori locali.

Intanto, arrivano i figli: Francesco, Barbara, Marco.

Alla serata di De Gustibus eventi è Francesco a raccontare alcuni vini di casa: il Falerio Pecorino, la Passerina Marche IGT: bianchi giustissimi per pesce; il rosato Di Verso; e poi il Romantico Marche IGT Rosso che si sposa coraggiosamente con un trancio di ombrina al forno; quindi un Audace Spumante Passerina Brut e per finire un Vispo Moscato dolce.

Torniamo alla storia, anzi, alla cronaca di oggi. Nasce La Cantina Di Ruscio Srl.

La terza generazione, come si coglie dalle parole di Francesco alla cena torrese, si dedica alla creazione della struttura che accoglie «botti di rovere (barriques) per l’affinamento del vino, il potenziamento delle linee dedicate all’imbottigliamento, il lancio del primo sito web dell’attività». Per i social ci pensa Jessica Mauro. Francesco è proiettato sul commerciale, mentre Marco dispiega le conoscenze acquisite sul campo e grazie alla laurea in enologia, sulle qualità del vino. La Cantina punta molto sul marketing e sugli eventi come il Vinitaly o le degustazioni in occasione di cene a tema.

Chiudo con la bella struttura di Campofilone, il cui primo piano è riservato agli incontri con personaggi famosi, ai momenti ludici e a quelli conviviali. Il tutto… per elevare il canto della terra verso il cielo. Prosit!

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Venerdì, 1 marzo 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑