Artigiani Veri. Le opere di Antonietta

Natale è prossimo? Beh, non proprio. Però il primo lavoro che mi colpisce è quello dei presepi. Sono posizionati in due ripiani di un bel negozio ai piedi di una collina verdissima. Sto visitando la bottega di Ristrutturando, in contrada San Lorenzo, a Fermo, in zona Valdete. Sono sempre alla ricerca di artigiani, perché l’artigianato è la conseguenza di una civiltà e ne porta i valori. E la signora Antonietta Conti artigiana lo è, nel senso di colei che costruisce con le proprie mani oggetti diversi e che li vende nel suo negozio. Insisto sulle statuine. Ce ne sono da un centimetro come da 50. Quelle minuscole sono un incanto: da Gesù alla Madonna, da san Giuseppe al bue ed asinello. Ed anche pastori e legionari romani. Le pennellate sono perfette, i colori mutano di intensità a secondo dei personaggi: più vivi quelli dei soldati, meno accentuati quelli di Maria e suo marito. Come un dato di umiltà: il non voler apparire.

La signora Antonietta Conti

Il presepe grande è un capolavoro. Antonietta me ne parla entusiasta. Capisco che non vorrebbe disfarsene. Capita spesso agli artisti: desidererebbero che le loro opere restassero per sé.

La signora Conti non realizza le statuine di terracotta. Le acquista già fatte da artigiani del luogo. Lei invece le decora, le dipinge, le personalizza.

Cambio oggetto e scaffali. Su uno più alto, noto i portaposta, i piatti, le brocche, le tazze. Hanno inscritto il nome di Fermo. Sono dei souvenir per i turisti in transito nella nostra Terra di Marca. Diversi di costoro sono diventati abitué e forse anche amici.

dav

Da 15 anni, Antonietta espone al Mercatino del giovedì di Fermo. La sua bancarella è la prima sulla sinistra, salendo, di corso Cefalonia, accanto alla chiesa della Pietà. I turisti tornano ogni estate a trovarla. «Con diversi di loro s’è stabilito un bel rapporto». Poi aggiunge: «La posizione che occupo mi trasforma a volte in ufficio informazioni, così do risposte al dove stanno le Cisterne? Dove possiamo trovare il Teatro? Cos’è la Cavalcata dell’Assunta?».

Va aggiunto che, oltre agli oggetti decorati direttamente dalla nostra signora, da Ristrutturando se ne possono trovare tanti altri di artigiani locali e non, «ma sempre italianissimi», precisa la padrona di casa. La sua manualità nel disegno e nella pittura risale ai tempi della scuola media. «Avevo sempre il massimo dei voti» racconta oggi, precisando che la sua attività lavorativa cominciò come artigiana calzaturiera, sviluppando modelli di scarpe. Poi, l’incontro con Paolo Petrini, piccolo impresario edìle, il matrimonio e l’apertura del negozio, a quel tempo più versato per l’edilizia, nella zona di Santa Caterina. Così, nel 2002, nasce Ristrutturando, che alcuni anni dopo si trasferisce nell’attuale contrada San Lorenzo.

dav

Prima di procedere con il lavoro dei pennelli, Antonietta ha seguito diversi corsi, «da quelli base a quelli un po’ più impegnativi». Ed è contenta e soddisfatta.

Progetti per il futuro? «Quello di dedicarmi esclusivamente alla realizzazione di oggetti in terracotta, costruirli direttamente, e acquistare un forno per la cottura».

Nel nostro dialogo torna spesso il termine terra e terracotta. «La amo, mi appassiona: siamo nati dalla terra e alla terra torneremo».

Uscendo, noto una Madonna dal voltodolcissimo. L’ha realizzata lei e l’ha messa in vetrina. Magari cercherà anche… di non venderla.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Giovedì, 12 settembre 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑