Ciclismo e non solo. La Granfondo dei tre Santuari del Fermano-Memorial Dante Montanini.

Laddove non sono riusciti altri, il ciclismo ce l’ha fatta! Domenica prossima, oltre duecento amanti delle due ruote partiranno dal santuario di Santa Maria delle Grazie, a Montegiberto, per raggiungere il santuario della Madonna dell’Ambro, a Montefortino, e toccare, con un gran finale sprintoso ed agonistico, un terzo santuario: quello di Santa Maria della Corva, a Porto Sant’Elpidio.

È la Granfondo dei tre Santuari del Fermano-Memorial Dante Montanini. Unisce lo sport in bicicletta al turismo religioso e a quello naturalistico. Un bel mix.

A dx il patron Vincenzo Santoni

L’iniziativa, che anni fa nacque con il tragitto compreso tra i santuari di Porto Sant’Elpidio e Montefortino, quest’anno annovera anche quello di Montegiberto. L’evento è stato promosso dal nuovo comitato di Marche Ciclando che ha chiamato a raccolta le amministrazioni comunali di riferimento. La partenza è prevista quest’anno dalla new entry: Montegiberto. Il via proprio dinanzi all’edificio religioso. Poi, per 48 chilometri si procederà a velocità controllata sino all’Ambro. Toccato quel santuario, padre Gianfranco Priori, confermato da pochi giorni rettore del Santuario, dopo aver impartito la benedizione sul sagrato, alzerà e abbasserà la bandierina per il segnale di ritorno ad andatura agonistica per 65,2 chilometri per raggiungere Porto Sant’Elpidio e aggredire – ci dice il patron Vincenzo (Vincenzino) Santoni, pirotecnico responsabile degli eventi di Marche Ciclando, – la Costa della Corva, storica salita dove spesso sono transitati i professionisti di alcune edizione della Tirreno-Adriatica. Al culmine di questa ascesa di un chilometro, con una pendenza media del 10 per cento, i ciclisti toccheranno il traguardo del Santuario cinquecentesco.

A presentare la Granfondo dei Tre Santuari hanno pensato, lunedì scorso, i promotori chiamando a raccolta i sindaci di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci, di Montegiberto Giovanni Palmucci e di Montefortino Domenico Ciaffaroni rappresentato da padre Priori. Numerosi gli amanti della bicicletta presenti nella bella sala della Casa di Riposo Arpili di Montegiberto. Moderati da Giorgio Martino, gli interventi di Giuseppe Ripà, Presidente del Comitato Il Grande Ciclismo a Porto Sant’Elpidio, Lino Secchi, Presidente del Comitato regionale FCI Marche, Milena Sebastiani, presidente del Consiglio comunale di Porto Sant’Elpidio, e di alcuni sponsor: Mauro Pieroni, Presidente Hair Service-Dima, Gabriele Vesprini, Linea Oro, e di Pasquale De Angelis, responsabile sviluppo piste ciclabili Marche Ciclando, Dino Borri, Presidente dell’Opera Pia Arpili, e Adolfo Leoni, per l’Associazione Antichi sentieri-Nuovi cammini, hanno individuato nel ciclismo e in questa manifestazione una possibilità di un nuovo turismo che lega sport alla spiritualità dei santuari, una conoscenza maggiore del territorio, un messaggio di solidarietà alle zone colpite dal sisma.

Tra gli interventi anche quello del dr Giuseppe Ciarrocchi, responsabile medico del progetto All Champion, che ha parlato di un integratore messo a punto da medici in collaborazione con l’Università di Camerino.

Ciclovie, ippovie e sentieri da percorrere a piedi, possono essere un’unica pur diversificata proposta turistica in Terra di Marca.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, mercoledì 18 settembre 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑