Minori… per modo di dire. Il pianoforte per l’anima, le arti marziali per il corpo. La ricerca di Ottavia Maceratini

Il sette dicembre, alle ore 17,30, sarà all’auditorium Billè del Conservatorio di Fermo, per un concerto. Lei è pianista e proporrà musiche di Beethoven, Chopin e Rachmaninov. Ottavia Maria Maceratini è un personaggio dalle diverse sfaccettature. La sua esibizione avrà come titolo Sotto lo stesso cielo, e servirà ad aiutare l’AVSI ong che realizza progetti in molte aree del mondo devastate dalla guerra e dalla fame.

Ottavia ha 33 anni e un curriculum ricchissimo. Le parole che più la definiscono sono quelle

La pianista Maceratini

del violinista e direttore d’orchestra lettone Gidon Kremer: «Ottavia è una personalità ed una musicista non comune. È continuamente alla ricerca della sua propria voce e lancia con le sue interpretazioni sempre nuove sfide al pubblico. Oggigiorno, dove molti giovani musicisti si preoccupano solo di diventare famosi, è molto rincuorante conoscere qualcuno che come Ottavia pone lo studio serio e penetrante dell´Arte prima di tutto il resto». Studio, ricerca, approfondimento: le sue stelle polari.

Nata a Recanati, Ottavia ha ascoltato musica sin dal primo anno di vita quando i suoi genitori Mariella e Mario la portavano con sè nel Coro di Montefano. Il Gregoriano è stato come il latte materno. A tre anni, era capace di riprodurre su tastiere casalinghe un motivo ascoltato in tv. Valeva la pena indirizzarla alla musica. A cinque anni inizia lo studio del pianoforte con il maestro Ermanno Beccacece. Dopo il liceo scientifico, s’iscrive e poi si diploma all’Istituto Musicale Pareggiato G. Pergolesi di Ancona, sotto la guida del maestro Lorenzo Di Bella. Dalle Marche alla Germania. Ottavia vuole imparare. Ed eccola alla Hochschule Für Musik und Theater di Monaco di Baviera dove ha studiato fino al 2010 con la professoressa Elisso Virsaladze. Nello stesso anno consegue il suo Meisterklassendiplom. Ma non le basta. Continua con Christoph Schlüren, allievo del direttore d´orchestra Sergiu Celibidache. Si perfeziona e si esibisce. In Italia ottiene 28 primi premi.

Lo sguardo di Ottavia alla vita

Nel 2011 pubblica il suo primo album: One Cut, con brani di diversi stili ed epoche. Il cd è accolto favorevolmente dalla critica. Ne scrivono riviste e giornali come Crescendo, Frankfurter Allgemeiner, Fono Forum e canali radio quali Bayrische Rundfunk e ORF. Il secondo album, con musiche di Schumann, esce un anno dopo, ricevendo il premio Die Rose der Woche. Sempre nel 2012, Ottavia viene invitata dalla prestigiosa Accademia di Kronberg, in occasione del festival Chamber Music Connects the World, dove suona con Gidon Kremer e Steven Isserlis. Altri riconoscimenti e altre esibizioni. Di quest’anno il suo ultimo album: Wanderer Inside. Oltre alla musica, Ottavia si dedica da sempre alle arti marziali giapponesi, dove ha conseguito la cintura nera. Detiene il quarto dan nella disciplina del Bujinkan (tecniche samurai e ninja). Cosa cerca Ottavia? «Cerco una maggiore comprensione di me e del mondo che mi circonda. Voglio essere educata alla meraviglia». Cerca lo stupore e non l’apparenza. «Credo che il pensiero musicale, artistico in genere, sia inclusivo, abbracci ogni aspetto, renda la persona integrale, unita a ciò che le sta intorno». Spesso le capita di suonare ispirandosi ad un quadro che ha ammirato. Ama gli Impressionisti. Di recente s’è incontrata con le musiche di Gurdjieff, il mistico armeno.

Cosa farà in futuro? «Crescerò. Siamo al mondo per questo».

Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Sabato, 23 novembre 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑