Le Botteghe. I Profumi dell’Orto. A Porto San Giorgio

Continua la ricerca di botteghe tipiche. Ne trovo una a Porto San Giorgio, in viale dei Pini 221.

Ero sulle tracce della tolkeniana Terra di Mezzo. Scopro invece, nello stesso luogo, I Profumi dell’Orto. La prima scritta ancora campeggia dalla vetrina sulla strada. Tra qualche settimana sarà però sostituita dal nuovo nome. Terra di Mezzo resta invece l’azienda agricola, operante a Montedinove, fornitrice di ortaggi e frutta. Il proprietario, Stefano Galli, è stato all’inizio anche della bottega sangiorgese oggi ceduta a Katiuscia Santarelli. Ricostruisco la storia grazie a Danilo Valeriani, compagno di Katiuscia con cui si alterna nel negozio che entro poco sarà ristrutturato e inaugurato ufficialmente. La coppia predilige un arredamento in legno, che fa calore e accoglienza, sul tipo della trave orizzontale esistente, sospesa sul bancone.

Danilo Valeriani

Il locale non è piccolo. Mi aggiro tra gli scaffali. E trovo conferma al fatto che i prodotti vengono dalle aziende agro-alimentari del territorio. Una delle due pareti lunghe ospita frutta, verdura ed ortaggi che arrivano, come dicevo, dalla Terra di Mezzo. Sulla parete opposta, leggo le etichette di Nonna Maria, una piccola azienda della Valdaso, di cui già scrissi, esperta in confetture. Sempre dalla Valdaso, ma dal colle di Petritoli, giunge la pasta di semola di grano duro dell’azienda Tomassini. L’azienda produce grano sin dagli anni ’50 del ‘900. «La volontà di fare delle tradizioni contadine la garanzia di genuinità a tavola, – si ricorda in una nota – ha portato l’azienda alla sfida della realizzazione del pastificio». L’intero percorso produttivo è rispettoso del protocollo disciplinare di agricoltura sostenibile. La pasta è lavorata solo con l’aggiunta di acqua, trafilata al bronzo ed essiccata a basse temperature.

Continuo la visita ed ecco il volto di Gino Girolomoni, il capostipite dell’agricoltura tradizionale, oggi Bio, delle Marche. È stampato sulle confezioni di pasta. È una garanzia. Il miele scende invece da Monterubbiano, dalla Contrada Levandara, dove opera Giovanni Zucconi. Il pane viene prodotto e consegnato dall’azienda agricola M.E.S. di Petritroli, diventata anche agriturismo. Altro pane viene acquistato a Lapedona. Sempre a Lapedona, esattamente alla Casa degli Archi ci si rifornisce per vino e olio.

Danilo è stato per 26 anni rappresentante di commercio, iniziando dal porta a porta finendo con la grossa distribuzione. Poi, la scelta con Katiuscia di scommettere su una boutique del gusto.

Ci avviciniamo al banco. Luigi Recchi da Petritoli è il fornitore ufficiale di salami, salsicce e porchetta; dall’Angolo di Paradiso di Amandola calano i latticini; dal fermano Antolini giungono le ricotte.

Danilo e Katiuscia ci credono. Le persone hanno iniziato ad apprezzare i prodotti di qualità. Il gusto sta cambiando con attenzione sempre maggiore alla salute. Si ripete spesso che la prima medicina è il cibo. E si ripete spesso che i piccoli produttori locali, quelli che vengono definiti anche Angeli Matti, sono un’assicurazione per la salute e la bontà dei prodotti. Evviva!

Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Venerdì 7 febbraio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑