Mons. Gennaro Franceschetti. A 15 anni dalla morte: la memoria, le testimonianze. Un convegno

Sono passati quindici anni dalla morte di mons. Gennaro Franceschetti che è stato arcivescovo di Fermo nel periodo che va dal 21 settembre 1997 al 4 febbraio 2005. L’uomo, il sacerdote e il vescovo sono rimasti nel cuore di tantissimi, credenti e non credenti, basti guardare le continue visite alla tomba che si trova nella cripta del Duomo, laddove volle essere seppellito. Di lui colpiva l’umanità, la grande fede, l’attenzione al mondo del lavoro e all’educazione dei giovani.

Mons. Gennaro Franceschetti

Mons. Franceschetti era nato a Provaglio d’Iseo in provincia di Brescia il 14 giugno del 1935. Era una domenica: la domenica dedicata al Corpus domini. Esattamente come domenica prossima. E proprio in occasione di questa doppia ricorrenza che l’UCID di Fermo, presieduta dal dr Mario Natalucci, in collaborazione con l’associazione SFERA di Brescia e l’arcidiocesi di Fermo, ha voluto organizzare una video conferenza chiamando come relatori quanti ebbero rapporti d’amicizia, di vicinanza e di collaborazione con «l’arcivescovo venuto da lontano». L’appuntamento è stato fissato per le ore 18 e potrà essere seguito in rete digitando https://join.freeconferencecall.com/istallazioniinfo.

Sono stati chiamati ad intervenire: mons. Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’Educazione cattolica, già collaboratore di mons. Franceschetti al centro pastorale Paolo VI di Brescia, e poi nella Curia bresciana; assistente ecclesiastico dell’associazione SFERA; il dr Giacomo Comincioli, Presidente dell’associazione SFERA onlus, subentrato al dr Ennio Franceschetti, fratello dell’arcivescovo, nel 2019; don Alessandro Tuccinardi, parroco di Manerbio (dove anche mons. Franceschetti era stato parroco), assistente ecclesiastico dell’UCID bassa bresciana; l’ing. Amedeo Grilli, presidente della Carifermo Spa, primo presidente dell’UCID fermana la cui costituzione fu voluta proprio dall’arcivescovo; il dr Saturnino Di Ruscio, dirigente comunale, sindaco nel secondo periodo di presenza di mons. Franceschetti a Fermo, dalla collaborazione con il quale nacque l’iniziativa EUROPE; mons. Armando Trasarti, vescovo di Fano, vicario generale dell’arcidiocesi di Fermo sotto mons. Franceschetti; mons. Mario Lusek, oggi parroco a Porto San Giorgio, già direttore dell’Ufficio nazionale CEI per turismo, sport e tempo libero, tra i collaboratori più stretti. Prenderà la parola anche l’ex sindaco di Manerbio Dialma Cantaboni.

Il saluto dell’arcidiocesi fermana sarà portato da mons. Pietro Orazi, vicario generale. La conversazione sarà introdotta e condotta dal giornalista Adolfo Leoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑