Le Idee degli Altri. La Laudata si’ e la chiamata a raccolta dell’arcivescovo

«La Laudato si’ non è una enciclica verde, non è un testo ambientalista. È piuttosto una enciclica sociale». Lo ha scritto Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, in Terra futura, libro scaturito da tre dialoghi con papa Francesco. Un’enciclica che si radica nella Dottrina sociale della Chiesa. Dottrina sociale, ha detto l’arcivescovo di Fermo Rocco Pennacchio tirando le conclusioni di un recente convegno in vista della 49^ edizione delle Settimane sociali, un po’ accantonata nel mondo cattolico. Ecco, allora, la nuova scossa del papa argentino.

Il convegno, promosso dall’ufficio diocesano per la Pastorale sociale e del lavoro diretto da Anna Rossi, da Caritas e ACLI, con il supporto di Legambiente e ANCI, ha messo a tema Il Pianeta che speriamo.Ambiente, lavoro, futuro, #tuttoèconnesso.

L’arcivescovo di Fermo mons. Pennacchio

Mons. Pennacchio è sceso nel concreto. Intanto, un giudizio sulla situazione delle Marche. Una regione che soffre: non ha superato la crisi del 2008, si trova di fronte ai problemi del terremoto, deve affrontare le conseguenze economico-sociali del dopo pandemia, è in fase di de-industrializzazione. È tempo, allora, di costruire, inventare lavoro, e la Laudato sì’ è uno sprone. Ma, attenzione, ha sottolineato l’arcivescovo, le notevoli somme che arriveranno dal Piano di Ripresa e Resilienza dovranno essere spese con oculatezza, responsabilità e con obiettivi congrui. Mons. Pennacchio, lanciando la triade: ambiente, comunità, fraternità, ha auspicato la nascita dal basso di circoli Laudato si’.

Anna Rossi ha accettato la proposta di una chiamata a raccolta, a breve, di quanti operano concretamente in difesa dell’ambiente e per nuovi lavori ad esso collegati. Sarà probabilmente un forum dove raccontarsi e raccordarsi.

Prendendo spunto dall’enciclica e riportando l’impegno di Legambiente, Francesca Pulcini ha evidenziato la necessità di un nuovo modello economico fondato sull’economia civile che vede il prof. Stefano Zamagni tra i maggiori promotori. Di nuova attenzione all’ambiente, non come problema ma come risorsa, ha parlato il sindaco di Fermo e rappresentante ANCI Paolo Calcinaro, citando anche il baratto amministrativo. Reano Malaisi, sindaco di Montecosaro, si è soffermato sulla necessità di restituire e ampliare gli spazi verdi a disposizione della comunità. #tuttoèconnesso.

«Piante, erbe, fiori, alberi – scriveva Gino Girolomoni – ci difendono dalle conseguenze della nostra stoltezza, che ha privato il corpo della propria pelle». Ecologia integrale!

Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, Mercoledì, 7 luglio 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑