Le Città del Sole, Le Città di Dio: le Reducciones. Un esempio su cui riflettere in tempi di tragedie dell’immigrazione

La vicenda degli immigrati sta diventando un problema sempre più serio. Serio e tragico.

Non lo si può risolvere con il blocco navale, neppure con una teorica e, a volte, ideologica accoglienza senza se e senza ma. Tantomeno con il: rimangano nelle loro terre e trovino il modo di starci al meglio.

C’è anche chi sostiene di aiutarli a casa loro. Astrattamente può esser giusto. Poi, concretamente?

Quel che è certo, è che occorre governare l’immigrazione per sottrarla alle mafie, a inconfessabili strategie geo-politiche, o a possibili future rivolte popolari tra poveri. E, soprattutto, per salvare vite umane. Salvarle dal mare e dagli aguzzini dei nuovi campi di concentramento libici e tunisini.

In questa situazione complessissima, mi torna in mente l’opera dei missionari sia laici sia religiosi. Presenze efficaci in Etiopia, in Somalia, in Congo, in Uganda, per l’Africa; in Bolivia e in Brasile, per l’America; e in molte altre regioni del mondo.

Sarebbe da meditare come esempio l’opera dei Gesuiti in Paraguay, che comprendeva anche l’Uruguay, l’Argentina e un pezzo di Brasile.

Il film Mission ne ha raccontato in sintesi la vicenda,

Le reducciones erano dei veri e propri villaggi realizzati dai missionari a favore delle popolazioni indigene. In quelle cittadelle i Gesuiti insegnavano l’agricoltura, il pascolo, l’artigianato, il canto.

Le chiamavano le Città di Dio, ed anche Le Città del sole, dove si viveva un cristianesimo felice.

In poco tempo, i Guaranì furono portati dall’età della pietra ad uno sviluppo civile significativo dove l’economia era fondata, non sullo sfruttamento e sullo schiavismo, ma sul dono. Le Reducciones prosperarono per alcune decine di anni. Poi, i Gesuiti furono cacciati, perseguitati, specie dal marchese di Pombal, ministro portoghese, massone dichiarato. E l’Ordine venne soppresso su decisione di papa Clemente XIV.

Città del sole, perché non pensarci di nuovo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑