Pedaso. Quelle scogliere da realizzare

Vincenzo Berdini, 68 anni, ingegnere e imprenditore edìle, sindaco di Pedaso.

Non è la prima volta che lei è sindaco di Pedaso. Qual è la differenza tra prima ed oggi?

Sono stato sindaco dal 1993 al 2002, e oggi lo sono di nuovo. Le differenze che noto sono due. La prima è la difficoltà sempre più marcata a gestire la cosa pubblica; la seconda riguarda il personale. A suo tempo lasciai un nuovo piano regolatore che ha consentito l’incremento della popolazione di un buon 40 per cento. Questo incremento non è stato compensato con una percentuale di nuovo personale. Nei primi miei due mandati avevo un segretario comunale a 36 ore settimanali, ora ce l’abbiamo a 20; avevamo due tecnici ora ne abbiano uno e mezzo.

A volte penso che ci sia una volontà politica a mettere in difficoltà i piccoli comuni.

Berdini
Il sindaco Vincenzo Berdini

Qualche suo collega non è contento dell’Unione Comuni Valdaso. Lei?

Io sono stato tra i fondatori dell’UCV. Ne sono uscito perché dissentivo sull’uso dei vigili. Sono convinto che debbano operare con una conoscenza piena del territorio. Faccio l’esempio della regolamentazione delle barche a mare, che è una caratteristica del mio comune. I vigili debbono essere in rapporto costante con il comune di riferimento. Non possono essere gestiti da un altro ente.

Poi Pedaso è rientrati nell’Unione. Qualche giorno fa abbiamo avuto un consiglio a Campofilone dove abbiamo parlato del futuro dell’UCV. Ho detto che l’attuale presidente, pur nella limitatezza dei servizi rimasti, non sta creando tensione tra comuni, ma l’Unione è un malato sotto osservazione. Come andrà a finire? Ci sono alcune vicende legali con i dipendenti che debbono essere risolte. Una passo importante è stato fatto con la vendita della sede. Entro dicembre ci trasferiremo altrove e, a cause giudiziarie concluse, si dovrà decidere se sopravvivere o chiudere. Non è facile andare avanti. Ci sono colleghi permanentemente assenti.

Qual è il punto di forza di Pedaso?

Pedaso ha il territorio più piccolo delle Marche. Non ha frazioni, è raccolto nel suo centro storico. Ma non ci facciamo mancare nulla. Penso al nostro Palazzetto che ospita la squadra di pallacanestro in serie C, c’è poi la squadra di pallavolo, quella di calcio, ci sono le associazioni culturali, i servizi. Un nuovo residente troverebbe tutto quello che c’è in un comune più grande.

Quindi, punto di forza è la struttura del paese. Senza scordare le strade larghe. Dunque, qualità della vita molto buona.

C’è qualche sindaco che lamenta il distacco tra la popolazione e l’istituzione comune. Da lei?

Questo distacco non c’è. Ci possono essere delle associazioni che risentono della politica per essere state vicine, nel corso delle elezioni, all’un candidato o all’altro. Però, pur nel distinguo politico, l’obiettivo è quello di far funzionare le cose per cui ci si rapporta senza problemi.

C’è un cruccio del sindaco Berdini?

La sfida più grande che abbiamo è la spiaggia e l’insabbiamento, che poi dovrebbero essere la prima risorsa: il turismo. La spiaggia è fortemente erosa. Vorremmo aumentare la spiaggia intervenendo sulle scogliere che sono particolarmente ammalorate non avendo ricevuto una manutenzione adeguata. Per farlo ci vogliono 600-700 mila euro. Io chiedo costantemente aiuto alla Regione che invece risponde con una azione al contrario: prima concedeva 50 mila euro all’anno, ora ugualmente 50 mila ma 8 mila da spendere nel 2018 e 42 nel 2020. Ci tolgono anche le molliche. Non vedo come affrontare questa emergenza.

Aggiungo che, quel cosiddetto porto che ci siamo trovati, altro non è che una spiaggia attrezzata. Se fosse un porto vero e proprio prenderemmo i fondi per risolvere il problema dell’insabbiamento. Noi non abbiamo dignità di porto e quindi non accediamo ai finanziamenti.

di Adolfo Leoni, Il Resto del Carlino, giovedì 9 agosto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑